Quartetto cameristico per i Concerti del Conservatorio

3 Febbraio 2020

TRIESTE. Nel segno della grande tradizione cameristica, con un quartetto che si è formato nel corso di Musica da Camera della docente Paola La Raja al Conservatorio di Trieste, prosegue la Stagione 2020 dei Concerti del Tartini: Sara Brumat flauto, Alberto Faroni oboe, Tommy Budin clarinetto e Alberto Olivo pianoforte si esibiranno mercoledì 5 febbraio alle 20.30, nella Sala Tartini di Trieste (via Ghega 12) in un recital come sempre liberamente aperto alla città, previa prenotazione. Info www.conts.it

Si parte con Camille Saint-Saens e il Caprice sur des airs danois et russes op. 79: compositore, organista e pianista francese, Saint-Saens è stato autore di opere teatrali, sinfoniche, per pianoforte e da camera. Il Caprice sur des airs danois et russes op. 79 è dedicato alla zarina Maria Feodorovna e sfrutta le meravigliose tonalità e sfumature della palette di fiati, intervallate da passaggi brillanti per il pianoforte. Il tempo varia da sezioni vivaci ed energiche a temi lenti, espressivi. Si prosegue con Johan Amberg e la Suite for flute, oboe, clarinet and piano, composta nel 1905 e divisa in tre movimenti che richiamano la grande leggerezza francese della musica da Salon, toccano temi di atmosfera jazz, gradualmente si uniscono agli altri strumenti in un afflato corale. June dances di Sean Michael Salamon è una piccola suite di tre danze ispirate allo stile barocco che richiamano le emozioni e i sentimenti provati da un testimone durante un Gay Pride a New York nel 2011. Dal primo movimento “The village” si passa alla “Sarabanda” calma e meditativa con clarinetto solo per culminare in “The joy”, veloce e ritmato.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!