Quando il pianoforte esprime gli stati d’animo (Chiopris V.)

26 Agosto 2018

CHIOPRIS VISCONE. Un affascinante scorcio su un genere di musica pensata per poter descrivere stati d’animo, immagini, elementi della natura e suggestioni sonore, con la sola voce del pianoforte di Ivana Damjanov: sarà questo l’appuntamento proposto lunedì 27 agosto dal Festival Internazionale di Musica Nei Suoni dei Luoghi, realizzato con il sostegno dalla Regione Fvg, a Villa Chiopris di Chiopris Viscone alle 20.45. Concerto accessibile alle persone con disabilità, realizzato in collaborazione con l’Iniziativa Centro Europea e l’Accademia delle Arti dell’Università di Novi Sad e il Comune di Chiopris Viscone.

Ivana Damjanov

Il programma della serata presenta un affascinante scorcio su un genere di musica pensata per poter descrivere stati d’animo, immagini, elementi della natura e suggestioni sonore. La prima parte della serata sarà dedicata ai compositori francesi Debussy e Ravel, massimi protagonisti dell’impressionismo musicale, con brani dotati di straordinaria leggerezza poetica e grande forza evocativa. Il resto della serata proseguirà sulle note del compositore ungherese Franz Liszt, che riversa sul pianoforte sogni e confessioni dell’animo, con brani considerati capisaldi della letteratura pianistica: in particolare quello ispirato dal Sonetto 104 del Petrarca (“ Pace non trovo, e non ho da far guerra”) che esprime con raffinatezza i contrasti psicologici della passione amorosa, e il celeberrimo e virtuosistico La Campanella, parafrasi del finale del secondo concerto per violino di Paganini, ricco di effetti che richiamano, appunto, i suoni tipici delle campanelle e richiedono all’esecutore funambolici salti sulla tastiera.

Ivana Damjanov, nata nel 1999 a in Zrenjanin (Serbia), inizia gli studi musicali all’età di quattro anni e a sei inizia a partecipare a concorsi nazionali ed internazionali. Si diploma in pianoforte alla scuola superiore Josif Marinkovic della sua città, e attualmente sta studiando all’Accademia di Musica dell’Università di Novi Sad. Il suo primo grande riconoscimento lo ottiene nel 2006 vincendo il primo premio a un concorso a Zagabria, al quale seguono oltre 40 altri premi in numerosi concorsi, tra i quali il III Memorial “Vojislav Vuckovic” a Belgrado, l’International Piano Competition “Zlatko Grgosevic” a Zagabria, il Concorso Internazionale di pianoforte “Citta di Gorizia”, l’International Piano Competition “Nikolai Rubinstain” di Parigi, l’International Piano Competition “Davorin Jenko” a Belgrado, il Concorso Internazionale per pianoforte “Stefano Marizza” a Trieste, il Festival of Russian Music “Boljsoj” e l’International Piano Competition “G. Pecar” a Gorizia. Tiene concerti come solista e in formazioni cameristiche a Novi Sad, Zrenjanin, Belgrado, Budapest, Parigi, Vienna, Romania, Germania, Italia e Malta.

Prossimo appuntamento di Nei Suoni dei Luoghi martedì 28 agosto alle 21 a Campolongo Tapogliano con il Trio Evocatiòn, serata di sole chitarre in un programma dal ‘700 al ‘900. Info Associazione Progetto Musica:www.neisuonideiluoghi.it – T. 0432 532330 info@associazioneprogettomusica.org

Condividi questo articolo!