Pustarlek: La masnada di Hellequin invade il Ristori

29 Ottobre 2016

CIVIDALE. Domenica 30 ottobre alle 21.30 al Teatro Ristori di Cividale si terrà l’evento finale dello spettacolo originale “La Masnada di Hellequin”, realizzato nell’ambito del corso teatrale del Progetto Pustarlek. Il progetto, finanziato con contributi per iniziative in ambito culturale a favore dei giovani dalla Regione FVG, è stato proposto dall’Associazione Comunicatecivi, capofila del progetto, e sviluppato grazie alla partecipazione di sei Enti Locali (i comuni di Cividale, Pulfero, San Leonardo, San Pietro al Natisone, Savogna, Stregna), del Centro Giovani Cividale, del Convitto Nazionale Paolo Diacono e delle Associazioni ASPIC e Giullare dei Tre Re.

lisetta-petrussi-1Il progetto ha rappresentato un vero e proprio percorso creativo sulla conoscenza e la rielaborazione delle tradizioni artistiche della città di Cividale e del territorio delle Valli del Natisone, favorendo l’aggregazione giovanile e promuovendo il dialogo tra storia e creatività. Partendo dalle analogie riscontrabili tra la figura del Pust, personaggio carnevalesco tipico delle Valli del Natisone, e quella dell’Arlecchino, personaggio simbolo della Commedia dell’Arte, i partecipanti hanno creato “Pustarlek”, una maschera che è stata
protagonista della “Masnada di Hellequin”. Maschera e spettacolo hanno preso vita durante workshop esperienziali, corsi di espressione teatrale e laboratori dedicati alla creazione di maschere in legno, queste ultime realizzate grazie all’artigiano ligneo Antonio Trinco. Il percorso così pensato ha dato forma alle abilità e alle sensibilità dei ragazzi e delle ragazze coinvolti nell’iniziativa e ha permesso di promuovere e rafforzare le loro competenze sociali e relazionali, efficaci soprattutto in un contesto di confronto e di incontro tra culture differenti.

Palcoscenico del momento conclusivo di Pustarlek sarà, domenica 30 ottobre, il Teatro Ristori, dove si svolgerà lo spettacolo “La masnada di Hellequin”, con la regia di Bepi Monai: l’ingresso è libero e tutta la popolazione è invitata a partecipare ed a sostenere l’impegno dei giovani attori in scena.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!