Nuovo pulmino al Melograno

8 Giugno 2017

PRADAMANO. La Comunità del Melograno continuerà a “fare ancora tanta strada” grazie al nuovo pulmino per il trasporto quotidiano di persone adulte con disabilità intellettive targato Lions Club Udine Host, a cui si affiancano la Fondazione Friuli e diversi donatori privati, consegnato alla casa famiglia di Lovaria. Undici persone, provenienti da otto comuni della Provincia di Udine, sessantacinquemila chilometri all’anno percorsi per andare a prendere e riaccompagnare a casa ognuna di loro, questi i dati del servizio di trasporto offerto dalla onlus che, grazie al significativo supporto del Lions, a cui si affiancano Fondazione Friuli, Calligaris, The Groove Factory, Artballetto, Forever Mats e numerosi privati, offre la possibilità alle persone con disabilità di continuare a prendere parte alle attività organizzate all’interno del centro diurno e sul territorio.

“Desideriamo ringraziare il Lions, da tempo vicino alla nostra realtà, e tutti coloro che ci hanno permesso di raggiungere questo importante risultato, che si aggiunge a quanto già realizzato nell’arco di questi vent’anni”, afferma Giorgio Dannisi, presidente della onlus promotrice di progetti ed iniziative benefiche atte a sensibilizzare la popolazione, in particolare le giovani generazioni, alle tematiche della disabilità e dell’integrazione. “Siamo gratificati dall’essere riusciti, in tempi abbastanza difficili, a portare a termine questo progetto, che ha costituito un’esperienza umana di notevole spessore nell’ambito della solidarietà”, queste le parole di Paolo Maisano, presidente del Lions che, confermando il suo impegno a favore del territorio e riconoscendo il costante impegno della Onlus a supporto dei più deboli, nel corso di questi anni, ha dedicato alcuni suoi service al progetto Lovaria contribuendo alla realizzazione di una sala polifunzionale e relax.

La giornata, coincisa con la “Festa di Primavera”, è proseguita con un momento conviviale nel corso del quale le porte della casa sono state aperte alla comunità. Infatti, l’obiettivo della Onlus è quello di far sì che oltre che casa famiglia per gli ospiti, la struttura sia percepita come la “casa” dei cittadini di Pradamano e dei comuni circostanti. Obiettivo che, come ha confermato il vicesindaco di Pradamano, sta diventando realtà dato che la vecchia casa colonica di Via della Libertà, 8 è progressivamente diventata un punto di incontro e di crescita da valorizzare con il contributo della comunità.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!