Prorogata a Gorizia la mostra di Max Steiner_Rio fino al 20

2 Novembre 2016

GORIZIA. Attesa domani, giovedì 3 novembre, alle 18 la settimanale visita guidata gratuita (normale costo di ingresso ai Musei) alla mostra in corso a Gorizia a Palazzo Attems, “Hans Stainer_Rio \ Il segno ritrovato”, realizzata e promossa dall’Associazione Culturale Ethos – presieduta da Patrizia Barbieri – in collaborazione con i Musei Provinciali di Gorizia e la Regione FVG. In mostra presenti circa un centinaio di opere, tra incisioni e lastre originali che rivelano la sorprendente forza espressiva dell’opera incisoria di Hans Steiner.

La vista sarà questa volta curata dalla responsabile delle attività culturali ed espositive della Fondazione Palazzo Coronini Cronberg Cristina Bragaglia, che dopo aver conseguito il dottorato di ricerca in storia dell’arte all’Università di Udine con una tesi riguardante l’incisore francese Etienne Dupérac ha continuato le ricerche nell’ambito dell’incisione del XVI secolo presso il Dipartimento di arti visive e della musica dell’Università di Padova e che dal 2013 svolge seminari sulle tecniche di incisione presso l’Università di Udine nell’ambito del corso di Storia del disegno e della Grafica.

Gli organizzatori annunciano che la mostra su questo grande artista nato a Graz ma goriziano d’adozione, dove rimane fino alle morte nel 1974, è stata prorogata fino a domenica 20 novembre con la programmazione di ulteriori eventi collaterali. Dopo l’apertura gratuita di domenica 6 novembre, mercoledì 9 è in programma un appuntamento speciale con i laboratori dell’artista Franco Dugo che ancora una volta illustrerà le tecniche incisorie di Hans Steiner _ Rio.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!