Profuganza: giovedì uno spettacolo con interrogativi

27 Marzo 2017

TRIESTE. Martedì 28 marzo alle 11.30 al Caffè San Marco di Trieste, Pino Roveredo e Maurizio Soldà presenteranno alla stampa e a tutto il pubblico interessato, il loro nuovo spettacolo Profuganze. Una produzione – di e con lo scrittore Pino Roveredo e l’attore Maurizio Soldà, che firma anche la regia – che riunisce l’Associazione culturale Studio Giallo, con l’Università Popolare di Trieste, il Teatro Stabile Sloveno / Slovensko Stalno Gledališče e il CSS – Teatro Stabile di Innovazione del Friuli Venezia Giulia con il contributo della Regione FVG.

Roveredo e Soldà

La profuganza è un tema di estrema attualità nella nostra vita. Una situazione che ci riguarderà totalmente perché per quanti muri possiamo costruire l’esodo soprattutto dall’Africa sarà inarrestabile. La storia scritta dai due autori pone degli interrogativi che non trovano una risposta certa: come verrà cambiata la nostra società da questo fenomeno, infatti, non ci è dato ancora di prevedere. Non rimane quindi che buttare sul tavolo l’argomento e cercare di vivisezionarlo per capire cos’è la profuganza, come si è declinata nel tempo e rintracciare le analogie e le differenze fra le diverse e millenarie “profuganze” che l’uomo ha da sempre praticato. Appunti di riflessioni che portano Roveredo e Soldà a dire che questi profughi, nel loro dolore, si somigliano tutti e che chi comanda ha da sempre determinato chi se ne doveva andare. In scena anche il musicista Mariano Bulligan che eseguirà le sue musiche originali dal vivo.

Lo spettacolo debutterà al Teatro Stabile Sloveno giovedì 30 marzo alle 20.30 con replica venerdì 31. Già aperte le prevendite al botteghino del teatro. presenza sarà particolarmente gradita

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!