Primula Cantiello presidente del Soroptimist Pordenone

7 Novembre 2020

Antonietta Bianchi Pitter (a sinistra) con la neo presidente

PORDENONE. Passaggio di consegne per il Soroptimist club di Pordenone, a Villa Baschiera Tallon, sede del sodalizio, in forma più che raccolta date le circostanze: Maria Antonietta Bianchi Pitter, che per due anni ha presieduto il club, ha ceduto il testimone a Primula Cantiello. Ingegnere civile, Cantiello attualmente si occupa di lavori pubblici per il Comune di Pordenone e ha contribuito alla realizzazione di molteplici opere fra le quali impianti sportivi come il complesso De Marchi, o culturali come l’Immaginario Scientifico e la Galleria d’arte moderna e contemporanea con il Parco delle rose. Socia del Soroptimist dal 2016, è sposata e madre di due figli.

“Vorrei portare il mio contributo di donna che si è formata in un mondo maschile e che spesso si occupa di argomenti considerati appannaggio degli uomini – ha dichiarato – e testimoniare la possibilità per le donne di essere madri e di occuparsi di scienza e tecnologia. Nel corso del mio mandato cercherò dunque di porre sempre in primo piano le questioni di genere e l’educazione delle giovani donne alle materie “Stem”, (progetto adottato dal Soroptimist club, acronimo di materie scientifiche, tecnologiche e matematiche, quelle che il tessuto sociale “sconsiglia” alle ragazze). Inoltre, essendo io disabile – ha concluso – vorrei anche dare il mio contributo a tutte le donne che per affermarsi professionalmente devono affrontare il superamento della difficoltà ulteriore”.

Maria Antonietta Bianchi Pitter lascia la presidenza in un momento complesso “affrontato dal club – ha sottolineato – e da tutte le socie con straordinario spirito di adattamento e di squadra, collaborazione e disponibilità”. Ripercorrendo i due anni del suo mandato ha ricordato le molteplici attività svolte, sia come club a livello locale, sia come Soroptimist regionale e nazionale, o insieme ai club service della città, alle istituzioni e ad altre associazioni locali: dai convegni sui temi legati alla parità di genere al progetto Stem con l’intervento di una studentessa del Mit di Boston e l’incontro sull’educazione finanziaria per i ragazzi delle scuole superiori, ai progetti specifici del club come la scuola in ospedale, il sostegno agli studi di una ragazza keniota e alle cure di una bambina croata seguita dall’Ospedale Burlo Garofalo di Trieste. E poi la collaborazione alle campagne per contrastare la violenza contro le donne, alla mostra realizzata a Pordenone “Les Femmes ‘900”, alla sensibilizzazione per la liberazione dell’avvocatessa iraniana Nasrin Sotoudeh, la partecipazione al restauro del sentiero a Sauris dopo la tempesta Vaia, ai progetti a favore delle donne carcerate. Sul fronte specifico legato alla pandemia, infine, il club ha effettuato una donazione di mascherine all’azienda ospedaliera pordenonese e una donazione alla Caritas per le famiglie in difficoltà.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!