Presepi a Casarsa in 4 tappe

4 Dicembre 2019

Alberio Castellarin e i suoi presepi solidali

CASARSA. Presepi realizzati a mano su tronchi o radici di vite con lo scopo di salvare gli antichi affreschi della Chiesa di Santa Croce a Casarsa, detta anche Il Glisiut (in friulano casarsese), ovvero l’edificio più antico della cittadina (XV secolo) e cuore della comunità. È questa la novità organizzata per il Natale 2019, insieme alla possibilità di visitare altri tre siti presepiali collocati sul territorio. All’interno de Il Glisiut verrà infatti allestita, dal 7 dicembre al 6 gennaio, la mostra “Presepi in Glisiut” con le opere dell’artista Alberio Castellarin. Per tutti i presepi in esposizione si potrà fare un’offerta e il ricavato verrà destinato al progetto “Si può dare di più” che prevede il recupero e la salvaguardia dei preziosi affreschi che arricchiscono la chiesa, realizzati da Pomponio Amalteo ma nei quali si vede la mano del noto suocero del pittore, ovvero Il Pordenone.

“Ci stiamo impegnando insieme ad altre associazioni del territorio – fa sapere Antonio Tesolin, presidente della Pro Casarsa – per poter raccogliere i fondi necessari a far rivivere gli affreschi andati distrutti dalle bombe cadute durante la Seconda guerra mondiale e per sanificare l’ambiente della Chiesa che soffre d’infiltrazioni di umidità e riqualificare l’area circostante, che come detto è la più antica del nucleo abitato di Casarsa. Ringraziamo il nostro amico Alberio – ha quindi concluso – che con grande sensibilità ha messo a disposizione i suoi bellissimi presepi realizzati a mano per questa importante causa e invitiamo la cittadinanza a fare visita alla mostra aperta durante tutto il periodo natalizio, sia per ammirare la bellezza di questi presepi sia per poter vedere con i propri occhi la bellezza degli affreschi custoditi al Glisiut che meritano di essere recuperati”.

La mostra sarà aperta il sabato dalle 15 alle 18 e la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18. Su appuntamento la mostra è visitabile anche in orari diversi, per prenotarsi telefonare al numero 327. 8404014.

Presepe parrocchia mCasarsa

Oltre a questo allestimento si potranno visitare altri tre siti presepiali le cui opere sono inserite nel Giro Presepi Fvg del Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione nazionale Pro loco d’Italia sostenuto dalla Fondazione Friuli. Innanzitutto il presepe itinerante della Parrocchia di Casarsa che parte dal sagrato della Chiesa Parrocchiale e coinvolge di anno in anno sempre più strade e angoli del paese. Una sorta di cammino, curato da Parrocchia e associazione Il Disegno, che culmina con la Sacra Famiglia in un messaggio di pace, gioia e speranza. I personaggi che compongono l’opera sono ricostruiti a grandezza naturale e con materiali poveri, arricchiti dalla creatività e dalla fantasia di bambini e genitori. Questo presepe sarà visitabile tutti i giorni dall’8 dicembre all’8 gennaio. Per info: associazione culturale e di promozione sociale Il Disegno (info@ildisegno.it)

La prima tappa sangiovannese è in via Tofane 1. Quinta edizione dello spettacolare presepe in movimento realizzato dal giovane talentuoso artista locale Mirco Casotto. La Natività è inserita in un ambiente rurale del secolo scorso dove sono ricostruiti i mestieri artigianali di un tempo, accompagnati dalle scene di vita quotidiana e di lavoro nei campi e nelle stalle. Molti sono i personaggi, tutti in movimento, in armonia con le scenografie costruite e dipinte interamente a mano. Predisposto su più piani, il presepe accoglie il visitatore con effetti sonori e luminosi. Il presepe è realizzato all’esterno dell’abitazione e sarà visitabile dall’8 dicembre al 6 gennaio, nelle seguenti giornate: il venerdì e il sabato dalle 16 alle 20 e la domenica e i festivi dalle 10 alle 20 (per info: Mirco Casotto 349-3761398). Si effettuano anche visite guidate su prenotazione telefonica.

Particolare del Presepe di via Tofane

Da non perdere poi, la mostra nell’antica chiesetta di Sant’Antonio Abate a Versuta risalente il XIII secolo. Al suo interno si potrà ammirare una rassegna di presepi, con opere di diversa ambientazione e fattura, realizzata da artisti e appassionati locali, tra i quali quelli scolpiti in legno da Giuliano Sessolo ed Eugenio Rosa, quelli realizzati in ferro da Gino Cristante e in terracotta da Giuseppe Nogarotto. All’aperto, sotto i gelsi, è allestito, invece, il caratteristico presepe che dona a questa antica chiesetta una particolare e preziosa atmosfera. Il presepe è composto da sagome forgiate in legno, truciolare e plastica e dalla bella capanna, illuminata all’imbrunire. Il tutto è a cura dell’associazione La Beorcja. Il presepe esterno è visitabile tutti i giorni.

Invece, la mostra collocata all’interno della Chiesetta dal 15 dicembre al 12 gennaio, segue i seguenti orari: il sabato e i festivi dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 18. Si effettuano anche visite guidate, per informazioni: Associazione La Beorcjia, Giuliano Sessolo (tel. 0434-869813 oppure 331-5457898).

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!