Premio Unicef I nostri angeli 2017 all’Agenzia Ansa

12 Giugno 2017

TRIESTE. Più di 150 milioni di bambini sul pianeta sono costretti ad impieghi che mettono a rischio la loro salute e li condannano a una vita senza svago né istruzione. I dati ILO (Organizzazione Mondiale del Lavoro) sul lavoro minorile tracciano un quadro agghiacciante: nel mondo 74 milioni di bambini sono impiegati in forme di lavoro pericoloso e nel lavoro di strada, cercando di sopravvivere nelle metropoli asiatiche, latino-americane e africane, attraverso la raccolta di rifiuti da riciclare o vendendo cibo. Senza dimenticare lo sfruttamento sessuale dei minori a fini commerciali, che si stima coinvolga un milione di bambini, e il lavoro domestico e familiare che, per la sua invisibilità, sfugge alle valutazioni statistiche e si trasforma spesso in una schiavitù fatta di sopraffazione, violenza e abuso.

Non c’era giornata migliore di quella che in tutto il mondo si celebra oggi – lunedì 12 giugno – contro il lavoro minorile, per annunciare il vincitore del Premio UNICEF “I Nostri Angeli”, promosso da UNICEF Italia e Fondazione Luchetta Ota D’Angelo Hrovatin, nell’ambito del Premio giornalistico internazionale Marco Luchetta: e in questa terza edizione va all’Agenzia giornalistica ANSA il riconoscimento, introdotto per valorizzare la testata giornalistica che più si è distinta nei temi legati alla tutela dell’infanzia nel mondo. Lo hanno annunciato il portavoce UNICEF Italia Andrea Iacomini, che consegnerà il Premio al direttore dell’ANSA Luigi Contu giovedì 22 giugno – al Politeama Rossetti di Trieste, nell’ambito della Serata “I nostri Angeli” – e la presidente della Fondazione, Daniela Luchetta, sottolineando le motivazioni di questa assegnazione: «E’ motivo di grande soddisfazione e orgoglio premiare, insieme all’UNICEF, il lavoro svolto quotidianamente dall’Ansa. Un aiuto prezioso per illuminare l’attività di enti e associazioni ogni giorno impegnati a favore dei più indifesi: i bambini, a qualsiasi latitudine del mondo».

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!