Il premio Crédit Agricole allo scrittore Wole Soyinka

4 Luglio 2017

PORDENONE. Nell’edizione del decennale, e in un momento cruciale per i rapporti fra Nord e Sud del mondo, va allo scrittore nigeriano Wole Soyinka, Premio Nobel 1986 per la Letteratura, romanziere di fama mondiale, poeta e autore di saggi fondamentali sulla cultura e sul mito africani, il Premio Crédit Agricole FriulAdria La storia in un romanzo, riconoscimento nato dalla collaborazione fra pordenonelegge Festa del Libro con gli Autori con il Premio giornalistico internazionale Marco Luchetta, su impulso di Crédit Agricole FriulAdria.

Wole Soyinka, che giovedì 6 luglio sarà protagonista della Milanesiana, è uno dei massimi scrittori viventi di lingua inglese ed è considerato il più grande drammaturgo africano: «ha saputo raccontare il sostrato mitico della realtà africana con la coscienza letteraria di un autore profondamente immerso nella cultura europea novecentesca – recitano le motivazioni del Premio – Mescolando immagini della millenaria tradizione yoruba e della cultura classica occidentale, Soyinka in un’ampia prospettiva culturale e con una poetica fuori dagli schemi, come evidenziavano anche le motivazioni del premio Nobel, ha messo a fuoco il dramma dell’esistenza, catturando lo spirito creativo travolgente della sua terra natìa e della sua gente».

Giunto alla sua 10^ edizione, il Premio Crédit Agricole FriulAdria La storia in un romanzo era stato assegnato nelle scorse edizioni, dal 2008 ad oggi, ad Arturo Peréz-Reverte, Abraham Yehoshua, Art Spiegelman, Alessandro Baricco, Ian McEwan, Martin Amis, Umberto Eco, Emmanuel Carrère e Javier Cercas. Il riconoscimento sarà consegnato a Wole Soyinka sabato 16 settembre (ore 18, Pordenone – Teatro Verdi). Seguirà l’incontro di Soyinka con il pubblico di pordenonelegge.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!