Please arrest me: altri premi Il montaggio è dell’isontino Lorenzo Colugnati (Capriva)

27 Marzo 2021

Lorenzo Colugnati

CAPRIVA. Nuova prestigiosa affermazione per Please Arrest Me, lo scioccante docufilm del regista belga Xavier Mairesse che vede, al montaggio, l’isontino Lorenzo Colugnati. Dopo essersi aggiudicato lo scorso anno il primo premio al One Screen Short Film Festival di New York per la sezione documentari, il film ha conquistato in questi giorni ben tre Primi Premi (Gold) allo Spikes Asia Festival 2021. Lo Spikes Asia è il concorso più importante della regione Asia-Pacifico (Cina, Hong Kong, India, Bangladesh, Giappone, Australia) e dal 1986 premia l’eccellenza nel campo della comunicazione determinando, attraverso una giuria di 86 esperti, gli standard di qualità con i quali i concorrenti delle edizioni successive devono, di anno in anno, misurarsi.

Please Arrest Me è un documentario sconcertante e di forte denuncia contro il sistema giudiziario indiano che non permette di perseguire la violenza e lo stupro se commessi all’interno del matrimonio, anche nel caso di prove inconfutabili. Lorenzo Colugnati, film editor isontino originario di Capriva del Friuli, non è nuovo a importanti produzioni a forte contenuto sociale. Recenti sono le sue collaborazioni con Emergency e con l’associazione umanitaria Terre des Hommes, per la quale ha firmato il montaggio della campagna di raccolta fondi a favore di tutti i bambini siriani afflitti dalla guerra, meritandosi, con lo spot, la menzione speciale su Shots: una tra le più importanti riviste internazionali di comunicazione.

Tra gli ultimi lavori al montaggio di Lorenzo Colugnati – che vanta anche una ricca esperienza a Vancouver in Canada negli studi della Atmosphere Vfx dove ha collaborato all’edizione di serie televisive americane ‘prime time’ – anche il cortometraggio “Open Your Eyes” diretto da Gabriele Muccino, commissionato da Azimut Yachts, con interpreti Francesco Scianna e Mariana Falce, presentato lo scorso autunno, alla 15^ Festa del Cinema di Roma.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!