Parole e musica dedicate a Padre Turoldo. A Palmanova

7 Febbraio 2018

PALMANOVA. “Turoldo vivo, parole e musica per un domani”, progetto pluriennale realizzato con il Contributo del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, della Provincia di Udine, della Regione FVG e della Fondazione Friuli, prosegue con un nuovo appuntamento. Promosso e organizzato dal Comune di Palmanova, in collaborazione con l’Associazione culturale “Coro Le Colone”, venerdì 9 febbraio alle 20.30, nel Salone d’Onore della città stellata patrimonio UNESCO, verrà presentato il libro edito da Erickson “E nel silenzio il canto. Turoldo vivo: parole e musica per un domani”.

Son Gallo con Don Di Piazza, una delle foto in mostra

L’autore e curatore del libro Fabio Turchini dialogherà con Padre Ermes Ronchi, docente alla Pontificia Facoltà Teologica “Marianum” di Roma e con Don Pierluigi di Piazza, fondatore del Centro “Ernesto Balducci” di Zugliano. A coordinare il dibattito Daniela Turchet, docente di discipline letterarie e latino nel Liceo G. Leopardi – E. Maiorana di Pordenone. Padre Ermes Ronchi, oltre ad essere un famoso teologo e autore di numerosi libri su temi biblici e spirituali, collabora con diverse testate giornalistiche, tra cui l’Avvenire. Dal 2009 al 2014 ha condotto sulla RAI “Le ragioni della Speranza” all’interno del programma di cultura cattolica A sua immagine. La presentazione del libro sarà accompagnata da interventi musicali di Federica Tirelli alla viola, di Francesco Tirelli alle percussioni e alla voce, di Nicola Tirelli alle tastiere e con le voci soliste di Emanuela Mattiussi (soprano) e Martina Gorasso (mezzo soprano).

“La serata è stata pensata per offrire alla cittadinanza un momento di incontro – commenta la vicesindaco e assessore alla cultura del Comune di Palmanova Adriana Danielis – su una delle più significative personalità del panorama culturale friulano del secondo Novecento. Non solo un uomo di fede ma fondamentalmente un uomo che ha saputo guardare il mondo nelle sue contraddizioni e scegliere una vita da ‘resistente’. Una resistenza ‘dell’umano contro il disumano’ come lui stesso la definì. In questo senso, ripercorrere il suo pensiero ma soprattutto la sua militanza, rappresenta per tutti una forte sollecitazione nel fare maggiore chiarezza sui valori della vita di cui tanto oggi si parla e sui quali spesso si dimostra di non comprenderne le reali implicazioni. Gli ospiti della serata, che ringrazio sin d’ora, ci aiutano con la loro testimonianza in questo breve percorso, avendone condiviso esperienze e vissuti”.

Oltre ad essere un incontro dedicato alla memoria e al pensiero sempre attuale di Padre David, l’appuntamento del 9 febbraio si presenta come un’opportunità unica nel suo genere, il cui valore è rafforzato ulteriormente dall’allestimento della mostra “Una goccia di splendore. Gli Ultimi da Padre David a Fabrizio de André” di Luca A. d’Agostino, fotogiornalista. L’esposizione sarà visitabile per due settimane nell’atrio del Palazzo Municipale di Palmanova.

“E nel silenzio il canto” è parte integrante del progetto pluriennale “Turoldo vivo: parole e musica per un domani”, firmato dalla direzione artistica di Giuseppe Tirelli, che ha visto a novembre la sua rappresentazione al Teatro Giovanni da Udine seguita dalla tappa nella suggestiva cittadina di Nomadelfia in provincia di Grosseto.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!