Pandemia nella canicola: non fa ben sperare per ottobre

4 Luglio 2022

TRIESTE. L’attuale crescita dei contagi e dei ricoveri che, in modo anomalo, si manifestano in piena estate sono il tema di un approfondimento del dottor Fulvio Zorzut (ben noto ai nostri lettori), già Direttore S.C. Igiene e Sanità Pubblica, Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

”L’andamento dell’epidemia da Coronavirus, assolutamente incalzante, non ha precedenti noti. Il picco del primo trimestre 2022 era inaspettato, mostra un numero di casi assai elevato, conseguenza di una contagiosità sempre maggiore delle nuove varianti. Va aggiunto che, a fronte di 70-90 mila positivi quotidiani al test, sicuramente ce ne sono almeno altrettanti, non rilevati, che non hanno fatto il test, in quanto senza sintomi. In Sud Africa, dove ora è inverno, al momento si assiste a un incremento dei casi causati da Ba 5. e può essere lo specchio di quanto accadrà nel nostro emisfero a ottobre.

Queste varianti hanno una minore capacità di aggredire le cellule alveolari per cui il numero delle polmoniti è molto basso. La novità sono i pazienti “grigi”, ricoverati per altre patologie e che poi risultano, a sorpresa, positivi al Coronavirus. La maggiore trasmissibilità e il maggiore ’escape‘ immunitario delle nuove varianti potrebbe tradursi in un limitato e transitorio incremento di ospedalizzazioni. Quindi, aumentando i positivi si accentuano le probabilità che il numero dei ricoveri nei reparti di terapia intensiva e in quelli ospedalieri Covid aumenti e, in effetti, è quanto sta accadendo.

La cosa preoccupante è che hanno una capacità infettante di Rt =17-20 simile al Morbillo, per cui se c’è un positivo a un convegno o a un incontro conviviale è in grado di contagiarne altri 20. Inoltre, la faccenda bizzarra è che accade in un periodo estivo, quando il Covid dovrebbe essere ai minimi della trasmissibilità.

Probabilmente l’euforia del ’liberi tutti‘ e la voglia di tornare alla vita di prima (basta mascherine, mancato impiego sui mezzi pubblici, assembramenti liberi senza pensieri, viaggi, tamponi salivari fatti a casa e che escono dal computo numerico totale e dai controlli delle aziende sanitarie)m oltre alla presenza di 14.000.000 di italiani mai o incompletamente vaccinati è alla base di questa recrudescenza che non lascia ben sperare per i mesi autunnali, con la riapertura delle scuole”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!