Padre Mario, prete in un carcere di massima sicurezza

20 Febbraio 2018

CORMONS. Giovedì 22 febbraio alle 17.30, nel Centro Pastorale “Trevisan” in Via Pozzetto a Cormòns, si terrà la serata di consegna della donazione Cormònslibri 2017, ultimo atto del Festival del libro e dell’informazione che chiude i battenti dopo 12 edizioni. “Cormònslibri è sempre stato anche solidarietà – afferma il direttore artistico e presidente dell’associazione Culturaglobale, Renzo Furlano -. Per questo, in collaborazione con la libreria Giunti al Punto del Tiare Shopping di Villesse, abbiamo pensato di versare una parte del ricavato dalle vendite dei libri in sala a una realtà importante e attiva sul territorio come la Caritas di Cormòns”.

La serata, realizzata in collaborazione con Mons. Paolo Nutarelli, prevede la consegna della donazione e, a seguire, l’incontro intitolato Vedere il bene dentro ogni uomo con la partecipazione speciale di Padre Mario Picech, sacerdote gesuita che racconterà la sua esperienza nel carcere di massima sicurezza di Islas Marías, in Messico. La prigione, gestita da una direttrice, detiene condannati per reati classificati come “Delitos contra la salud” (crimini contro la salute) che riguardano la produzione e la diffusione di droghe e il trasporto di armi, con tutto ciò che ne consegue.

Dopo una rivolta, da 8.000 persone detenute si è passati a 1.000, nell’attesa di tornare pian piano a una media di circa 5.000 presenze. La serata sarà occasione per vedere proiettati filmati e fotografie che andranno ad arricchire l’interessante racconto dell’esperienza, sotto l’aspetto religioso ed educativo, di Padre Mario. L’incontro sarà intervallato da brevi commenti musicali.

Padre Mario Picech è padre gesuita dal 1992. Dopo la formazione teologica, ha lavorato nei collegi collaborando nella loro gestione e insegnando religione. L’esperienza più lunga l’ha fatta all’Istituto sociale di Torino per poi partire – alla fine del 2011 – per il Messico, dove tutt’ora presta servizio nel carcere di massima sicurezza di Islas Marias. Padre Mario rientra in Italia per un paio di mesi all’anno, per rivedere la sua famiglia e incontrare gli alunni della scuola di Torino.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!