Omaggio a Shirley Clarke

1 Marzo 2018

PORDENONE. Venerdì 2 marzo alle 20.45 Cinemazero ospita un cine-concerto omaggio a Shirley Clarke (1919–1997), una delle figure preminenti del cinema indipendente americano, che con Jonas Mekas e altri autori del New American Cinema Group fondò la Film-Makers’ Cooperative. Stimata da maestri del calibro di Bergman o Cassavetes, vincitrice di un Oscar (con Robert Frost: A Lover’s Quarrel with the World (1963)), fu un’instancabile animatrice del cinema d’avanguardia statunitense.

“In questo momento mi sto rivoltando contro le convenzioni del mondo del cinema. Chi l’ha detto che un film deve costare un milione di dollari e risultare abbastanza innocuo e rassicurante per contentare qualsiasi dodicenne in America? Stiamo creando l’equivalente cinematografico di Off-Broadway, fresco, sperimentale e personale”. Questo è lo spirito della Clarke, di cui verranno proiettati Bridges-Go-Round e Brussel Loops (co-diretto con D.A. Pennebaker), quest’ultimo musicato dal vivo da Maria Teresa Soldani, musicista e videomaker, con progetti a cavallo tra arte, cinema e musica.

I Brussel Loops (1958, 46’) sono un’affascinante collezione di cortometraggi, commissionati dal Dipartimento di Stato Americano in occasione dell’EXPO di Brussels del 1958, e ritraggono frammenti dell’American Way of Life: merci, strade, case, città, deserti, grattacieli… I film, proiettati in loop nel Padiglione USA, furono realizzati da Shirley Clarke e D.A. Pennebaker su invito del documentarista Willard Van Dyke. Privi di musiche per esigenze di produzione, vennero allora girati e montati dai registi come pezzi “jazzy”. A sessant’anni dalla loro prima apparizione, i Brussels Loops tornano, accompagnati da musica originale dal vivo. Su una texture di estratti radio e TV, sintetizzatori campionati e suoni in loop, Maria Teresa Soldani ricompone un immaginario reale e finzionale degli anni ’50 negli Stati Uniti suonando con la chitarra elettrica semiacustica collegata alla pedaliera di effetti.

Anche per Bridges-Go-Round (1958, 4’), l’occasione è quella di EXPO 58, ma questa volta la Clarke realizza una suggestiva sinfonia urbana in cui mostra i ponti di New York come un caleidoscopio di vivide immagini astratte. La pellicola, oggetto di recente restauro, fu prodotta in due versioni: la prima con musiche elettroniche di Louis and Bebe Barron, già autori della colonna sonora de Il pianeta proibito, un classico sci-fi di Fred M. Wilcox; la seconda con musiche jazz di Teo Macero, compositore e produttore di Miles Davis e Charles Mingus. Questa sonorizzazione dei Brussels Loops, inframmezzata da Bridges-Go-Round, si ispira al filone elettronico dei Barron.

Le prevendite sono aperte sia in cassa che sul sito www.cinemazero.it e, grazie alla collaborazione con il Circolo culturale Controtempo, anche i loro soci potranno godere del biglietto ridotto a 7,5 euro (come i possessori della CinemazeroCARD), anziché 10 euro (intero). Programma e distribuzione a cura di Reading Bloom e Milestone Films.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!