Omaggio a Billy Strayhorn Bruno Cesselli al pianoforte

6 Agosto 2020

Bruno Cesselli

PORDENONE. Prosegue con proposte varie e interessanti – accuratamente selezionate dal curatore Francesco Bearzatti – Polinote Musica in Città, realizzato da Polinote grazie al sostegno di Regione, Fondazione Friuli, Bcc Pordenone e Monsile, in collaborazione con Comune di Pordenone, Associazione Sviluppo e territorio, Confcooperative Pordenone, Park Hotel Pordenone, Mp musica di Maurizio Poles, Claps cooperativa, sempre con il doppio orario (18 e 21), con ingresso gratuito previa prenotazione sul sito www.mic.polinote.it.

Venerdì 7 agosto Bruno Cesselli – pianista, compositore e arrangiatore friulano fra i più conosciuti e apprezzati in ambito jazzistico, con importanti collaborazioni con musicisti italiani e stranieri di caratura internazionale, e un’intensissima attività concertistica in tutta Europa – con “My Little Brown Book” farà un omaggio a Billy Strayhorn, uno dei più prolifici e importanti compositori del ‘900, noto soprattutto per la sua lunga collaborazione con Duke Ellington, per il quale compose e orchestrò molti brani che resero famosa la sua orchestra. La sua musica non è solo elegante, ma è anche piena di sorprese e di vere gemme nascoste.

Marco D’Orlando (Foto Veronica Croccia)

Dopo di lui sul palco spazio al progetto Drumlando con Francesco De Luisa al pianoforte, Alessandro Turchet al contrabbasso e Marco D’Orlando alla batteria. Il repertorio si basa su composizioni originali di Marco D’Orlando caratterizzate da una forte base jazz, per quanto riguarda l’improvvisazione, ma che in certi momenti toccano sonorità più classiche e popolari. Ogni brano nella sua identità ha come intento quello di raccontare esperienze vissute e persone conosciute. Il trio ha partecipato nel 2019 a vari importanti festival e ha al suo attivo la registrazione di due dischi.

Rosa Brunello

Lunedì 10 agosto ancora un eccellente piano solo scelto tra i migliori artisti friulani con le “Metamorfosi dell’immaginazione” di Angelo Comisso, che troveremo alla ricerca di contaminazioni fra musica colta-contemporanea, jazz d’ispirazione europea e improvvisazione totale. La sua tastiera, in una metamorfosi dell’immaginazione, riuscirà a riassumere la completezza di un trio e il fascino di una big band, a innalzare un canto lirico e ad aprire le porte di un laboratorio armonico. Comisso è un pianista di formazione classica, la cui sensibilità lo porta a esprimersi con grande lirismo e creatività, sia nel jazz più tradizionale che nella musica più libera e improvvisata.

Dopo di lui spazio alla bassista Rosa Brunello astro nascente del jazz moderno in formazione coi Los Fermentos (Michele Polga sax, Frank Martino chitarra, Luca Colussi batteria) per “Shuffle Mode”. Insieme danno vita a una musica lucida, contemporanea e ricca di colpi di scena, con il concorso di effetti elettronici a profusione. La ricerca a spirale del suono è un modo per avvicinarsi sempre più alle cose belle, ai cieli blu, alle nuvole e alla rugiada. I suoni, le immagini, le scene inattese che arricchiscono ogni nuova produzione di Rosa Brunello portano sempre la capacità di godere della natura e dell’arte.

Condividi questo articolo!