Nove artisti per un evento

3 Settembre 2016

UDINE. Con le opere di una decina d’artisti la Galleria Arttime di Udine dà vita alla mostra collettiva dal titolo “Eventi d’arte”, dal 3 al 15 settembre. Vi partecipano, infatti, Mariarita Valussi, Ezio Pinciroli, Helen Cortese, Maria Rita Onofri, Alessia Massone, Carla Gallo, Rosalba Fogliazza, Anna Maria Monti, Giordana Bussoli.

IMG_3045Mariarita Valussi, artista ligure, vive e lavora a Castelletto D’Orba (AL). Ha frequentato il liceo artistico di Savona e la Facoltà di Architettura di Genova, interrompendo per poi diplomarsi all’Accademia Di Belle Arti di Genova. La sua vena creativa viene espressa in opere diverse: disegni, incisioni e copie d’autore. La tecnica espressiva prediletta dalla pittrice è la tecnica ad olio su tela. L’artista ama rappresentare la figura femminile come mezzo d’espressione, attraverso la sistemazione della linea nello spazio, fino a giungere ad una ricerca dell’essenziale che cade nella deformazione. La donna diventa purezza lineare con vibrazione di colore raffigurando in tal modo l’essenza di un’emozione.

L’artista lombardo Ezio Pinciroli, studiando e poi lavorando, inizia a dipingere prima su basi figurative ed impressioniste, negli anni ’70, e poi col disegno e la poesia approda all’astrattismo e alla transavanguardia geometrica, negli anni ’80. Verso la metà degli anni ’80 affianca alla pittura anche scultura, fotografia e letteratura, scrivendo due romanzi di carattere sociale. Ezio Pinciroli diventa un artista a tutto tondo, viaggia molto sia per piacere che per studiare nuove forme, colori e luci, arricchendo e trasformando il suo “Io” portandolo a deformare la realtà, così carica di limiti, nelle sue opere. Negli anni ’90 la sua pittura si avvicina molto all’informale, con un’esaltazione della casualità segnica e materia.

IMG_3052Hélène Cortese, pittrice e scultrice chiavarese, è capace di restituire nei suoi lavori un’idea di bello e originale di particolare fascino. Figlia d’arte, ha respirato sin da piccola l’odore delle tempere sino a scoprire intorno ai 18 anni il suo talento per la pittura, la decorazione e il design. Colori e forme si uniscono dando vita a un quadro dal carattere onirico. Il risultato finale è una narrazione fiabesca, apparentemente semplice e quasi naif, un ipnotico viaggio attraverso universi costruiti con l’utilizzo del colore, dove si possono incontrare alberi in fuga, piccoli animali enigmatici e silenziosi, paesaggi noti trasfigurati dalla fantasia dell’artista.

Il dualismo di Maria Rita Onofri, come pittrice e scultrice, si riscontra nelle sue opere in cui la materia è sostanza, ingrediente fondamentale. Per l’artista la materia non è solo il bronzo delle sculture, ma anche il gesso delle sue pitture, il carboncino che traccia il segno, la corda che sostiene il colore. Il tutto per dare la possibilità di attingere ad una maggiore forza sensoriale ed espressiva.

IMG_3052aAlessia Massone, giovane artista ligure e figlia d’arte, vive e lavora a Castelletto D’Orba. Ha frequentato l’Istituto d’arte Ottolenghi di Acqui Terme e l’Accademia Di Belle Arti di Brera. Le sue tele sono dipinte ad olio e per alcune l’artista predilige l’utilizzo di una base acrilica nera. Lo spazio nero enfatizza le nascite di semenze luminose, come a raffigurare luci senza stagione. Il nero (la nigredo) vine interpretato come il suolo fertile per le seminazioni. Attraverso questa tecnica la pittrice ricerca l’unione degli opposti al fine del raggiungimento di un’elevazione spirituale.

Carla Gallo nasce nel 1958 a Monforte d’Alba (CN) e trascorre la sua fanciullezza tra le colline e i vigneti delle Langhe. Consegue il diploma al Liceo Artistico di Torino. Per anni lavora nel campo sanitario abbandonando la sua attitudine all’arte. Solo in età matura e in un contesto particolare della sua vita trova il tempo e l’ispirazione alla pittura. Le sue prime opere si ispirano ai fiori. Poi scopre la sua vera passione nel ritratto. La vera ispirazione però la trova nel mondo dell’infanzia: il bambino nel suo contesto e nelle varie etnie. Nel viso dei bambini e soprattutto attraverso lo sguardo riesce a far emergere l’animo puro dell’infanzia. E proprio grazie a questa sua passione riesce a coniugare la pittura con la solidarietà. Si impegna come ambasciatrice di una onlus, la For a Smile organizzando ogni anno una mostra solidale in favore dei bambini più disagiati.

IMG_3052bRosalba Fogliazza D’Avossa è artista sensibile e capace. Con una particolare profondità nel carpire ed incarnare l’anima nei volti dei personaggi che, di volta in volta, mette su tela. Le scelte compositive dell’artista sono volte a compiere una colta ricerca sulla luce e sul colore, attraverso l’uso dell’acquerello, tecnica quanto mai delicata e complessa, che ella utilizza con indubbia sapienza. Notevole l’impatto che ha avuto l’esperienza in Africa per questa artista, e che ritroviamo soprattutto nei soggetti rappresentati, nei paesaggi che lasciano senza fiato e nei caldi cromatismi.

Anna Maria Monti è nata, vive ed opera in Sardegna. Ha studiato al liceo artistico di Cagliari e insegnato arte per trent’anni. Dipinge da sempre e attualmente si dedica all’arte vibrazionale di ispirazione angelica. Un percorso di meditazione e ricerca spirituale che ispira oggi il suo tema espressivo pittorico. Le sue opere delicate e raffinate evocano atmosfere celestiali che rasserenano l’animo di chi osserva e inducono alla riflessione interiore profonda.

Giordana Bussoli dipinge ad olio su tela con particolare riguardo ai soggetti floreali che interpreta in modo fantasioso e figurativo ma mai fotografico. La sua pittura nasce dal cuore ed esplode in mutevolezze cromatiche appassionate, forti e dolci allo stesso tempo, capaci di regalare incantevoli emozioni, impalpabili come le curve dei petali tremanti nel vento. La sensibilità di Giordana Bussoli si coglie anche dalle sue poesie che a volte raccontano i suoi dipinti.

La mostra sarà visitabile dal 3 al 15 settembre in Vicolo Pulesi, 6 a Udine con il seguente orario: lunedì dalle 16.30 alle 19.00 e dal martedì al sabato dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.30 alle 19.00.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!