Neuroscienze: sfida senza quartiere per 70 studenti Fvg

15 Marzo 2018

TRIESTE. Per 70 ragazzi delle scuole superiori del Friuli Venezia Giulia è ora di mettere la testa a posto: e il posto sono le Olimpiadi delle Neuroscienze! Per il nono anno venerdì 16 marzo si svolge a Trieste la selezione regionale delle Olimpiadi italiane delle Neuroscienze: presso il Polo Didattico di Medicina e Chirurgia dell’Università di Trieste, (via Valmaura 9) a partire dalle 10. L’iniziativa – che rientra fra le attività della Settimana del Cervello 2018 – è organizzata dall’Immaginario Scientifico e dall’Università di Trieste, ed è promossa dal Comune di Trieste-Assessorato all’Educazione, Scuola, Università e Ricerca nell’ambito del Protocollo d’Intesa “Trieste Città della Conoscenza”.

Le Olimpiadi delle Neuroscienze rappresentano la selezione italiana della International Brain Bee (IBB), una competizione internazionale che mette alla prova studenti fra i 13 e i 19 anni, sul grado di conoscenza nel campo delle neuroscienze. In febbraio le scuole italiane hanno già effettuato le selezioni locali, mentre quella di venerdì è la gara regionale del Friuli Venezia Giulia. A partecipare ci saranno 14 scuole, da Cervignano (IISS della Bassa Friulana), Gemona (ISIS Magrini-Marchetti), Gorizia (ISIS Dante Alighieri), Monfalcone (ISIS Buonarroti), Pordenone (Istituto Vendramini), Tolmezzo (ISIS Paschini-Linussio e ISIS Solari), Trieste (Licei scientifici Galilei e Oberdan e Liceo classico Petrarca) e Udine (Licei scientifici Copernico e Marinelli, ISIS Malignani, Liceo classico Stellini).

Fra cruciverba, domande a scelta multipla, giochi di attenzione e domande a bruciapelo, i ragazzi si sfideranno su temi come la biologia del cervello, la memoria, le emozioni, lo stress, l’invecchiamento, il sonno e le malattie del sistema nervoso. A giudicare le prove sarà presente un gruppo di studenti di Neuroscienze dell’Università di Trieste, capitanati dalla professoressa Paola Lorenzon, neuroscienziata e docente di Fisiologia del Dipartimento di Scienze della vita dell’Università di Trieste.

Lo scopo principale dell’iniziativa è quello di stimolare l’interesse per la biologia in generale e per le neuroscienze in particolare. Tra le discipline scientifiche a maggior crescita, le neuroscienze permettono oggi di esplorare opportunità per prevenire o curare le malattie che ledono il cervello. Queste sono fra le affezioni più invalidanti che colpiscono l’uomo, oltre a essere all’origine di sofferenze per gli individui che ne sono colpiti, e comportano gravi ricadute sulla collettività.

La gara di venerdì decreterà 3 vincitori, che saranno premiati da Angela Brandi, Assessore comunale all’Educazione, Scuola, Università e Ricerca: i ragazzi andranno a rappresentare il Friuli Venezia Giulia alla gara nazionale, in programma a Catania il 4 e 5 maggio 2018. Qui verrà selezionato il miglior studente italiano, che in luglio volerà a Berlino per la finale internazionale.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!