Nel mirino dei cecchini Mauro Fiorentin racconta Sarajevo

1 Agosto 2021

Mauro Fiorentin

ZOPPOLA. La storia di un uomo, per quanto piccola e insignificante, è sempre un frammento della Grande Storia e la vita tormentata di Vuk non fece di certo eccezione a questa regola anzi, in qualche modo lui, di quella che inizia con la esse maiuscola, fu tutt’altro che una semplice comparsa. Il nuovo racconto di Mauro Fiorentin è pronto a sorprenderci con un viaggio tra i Balcani e nella sua città simbolo, Sarajevo che è stata protagonista del più lungo assedio della storia. Ed è proprio in quel periodo che Vuk e tanti cecchini come lui terranno in scacco un popolo, la sua dignità e soprattutto la vita di tantissime persone.

Mercoledì 4 agosto alle 21 Mauro Fiorentin, con gli inseparabili Alberto Della Mora e Claudio Petris racconterà questa storia nella magica cornice della Galleria Celso e Giovanni Costantini. La location non è infatti causale. In queste settimane, nell’ambito della rassegna Aspettando Dedica, la Galleria ospita la mostra Shooting in Sarajevo. La mostra di Roberta Biagiarelli e Luigi Ottani, che è anche un libro fotografico edito da Bottega Errante Edizioni, mostra la città bosniaca e i suoi abitanti dal punto di vista dei cecchini che la terrorizzarono durante il lungo assedio terminato 25 anni fa. Un’occasione preziosa per fare memoria.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!