Montagna in biblioteca, che riceve la Donazione Furlan

1 Marzo 2017

SPILIMBERGO. Venerdì 3 marzo dalle 20.45 la letteratura e la montagna saranno protagoniste in Biblioteca Civica a Spilimbergo, in un interessante incrocio di prospettive, esperienze, suggestioni. Nell’ambito della rassegna di incontri “Biblioteca d’Autore” Franco Brevini, docente di letteratura italiana all’Università di Bergamo e grande appassionato di alpinismo, racconterà la sua visione della montagna attraverso dieci termini che per lui ne costituiscono l’essenza, ripercorrendo le pagine della sua ultima opera, “Alfabeto verticale. La montagna e l’alpinismo in dieci parole”, pubblicato da Il Mulino nel 2015 e finalista all’edizione 2016 del Concorso “Leggimontagna” di Tolmezzo, promosso dall’Associazione delle Sezioni CAI di Carnia, Canal del Ferro e Val Canale.

Non si tratterà di un semplice incontro con l’autore per conoscere da vicino la sua opera, ma di una conferenza spettacolo, con la proiezione del filmato curato da Brevini stesso, che ha selezionato suggestive fotografie dal proprio album di alpinista. Non ci poteva essere occasione più consona per la presentazione pubblica della donazione di Caterina Furlan in favore della Biblioteca Civica, composta da un significativo corpus di opere di letteratura di montagna. La prof.ssa Furlan, docente di Storia dell’arte moderna all’Università di Udine e Presidente della Fondazione Ado Furlan (che ha sede a Spilimbergo), è stata componente della giuria di “Leggimontagna” in diverse edizioni del Concorso. Le novanta pubblicazioni che recentemente ha voluto donare alla Biblioteca “Bernardino Partenio” sono legate alla sua partecipazione ai lavori della giuria. Le opere sono state catalogate e da sabato 4 marzo saranno disponibili per la consultazione e il prestito da parte degli utenti del servizio bibliotecario spilimberghese.

A uno sguardo ravvicinato spiccano tra i titoli due importanti case editrici del settore, entrambe piemontesi: CDA & Vivalda e Priuli & Verlucca, che dal 2013 proseguono in forma congiunta la pubblicazione di una fondamentale collana dedicata alla letteratura di montagna, “I Licheni”, ben rappresentata nei libri della donazione con autori del calibro di Patrick Berhault, Jean-Cristophe Lafaille e Georges Livanos. Da segnalare anche Corbaccio, che tradizionalmente cura una sezione di narrazioni di viaggi ed esplorazioni, qui rappresentata da opere di Reinhold Messner e Hermann Buhl, tra gli altri. Non mancano i testi storici, che ricostruiscono spedizioni come quella di Robert Falcon Scott al Polo Sud o ripercorrono i sentieri delle Alpi Carniche e Giulie durante la Grande Guerra. Diversi i curiosi racconti di esperienze di viaggio “estreme”, come La bizzarra impresa: in Fiat 500 da Bari a Pechino o Il mondo da vicino: 60.000 km in bicicletta, per lettori meno vicini all’alpinismo tout court.

La serata, a ingresso libero è promossa in collaborazione con la Sezione di Spilimbergo del CAI.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!