Mind The Gap sesta edizione

13 Ottobre 2022

Dal video di Flavia Tritto

UDINE. S’inaugura venerdì 14 ottobre alle 18 nello Spazio 35 in via Caterina Percoto a Udine la sesta edizione di “Mind the Gap”, progetto d’arte contemporanea ideato da Augusta Eniti (Altreforme) e dedicato alla figura dello psichiatra Franco Basaglia. Curato da Giada Centazzo e Lorenzo Lazzari con Rachele D’Osualdo (associazione culturale Etrarte), l’iniziativa, che gode del supporto tra gli altri di Legacoop Fvg, vede quest’anno la partecipazione di cinque artisti visivi – Sofia Caesar, Danilo Correale, Karolina Bergman Engman, Giulia Iacolutti e Flavia Tritto –, selezionati per il loro modo di ibridare i generi artistici e per l’elaborazione culturale intorno alle questioni che attraversano il nostro tempo. Tema di questa nuova edizione è infatti la complessa relazione tra spazio, tempo e accadimenti. Da diverse prospettive, gli artisti mettono in discussione l’idea che ci sia uno spazio meramente fisico su cui poggiano le cose e gli eventi, invitandoci a pensare che spazio e tempo accadono con gli eventi.

Nello Spazio 35 saranno esposte le opere di Sofia Caesar, Danilo Correale e Flavia Tritto. La mostra resterà aperta fino al 13 novembre prossimo, da martedì a venerdì dalle 15 alle 19 e sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19.

Dal video di Karolina Engman Begman

Rinnovata anche quest’anno la partnership con il Centro Espressioni Cinematografiche di Udine. Il Visionario ospiterà infatti, a partire dall’inaugurazione prevista per venerdì 14 ottobre alle 19.30, un’opera di Karolina Engman Bergman dal titolo Rootless (2021). Nella sua ricerca l’artista e videomaker svedese esplora i processi della memoria nel rapporto tra spazi perduti e ambienti digitali. L’opera sarà fruibile dal lunedì alla domenica, dalle 16 alle 21. L’ingresso è libero.

Anche questa nuova edizione vedrà la realizzazione di un laboratorio partecipativo condotto dall’artista Giulia Iacolutti con gli studenti del Liceo Artistico Galvani di Cordenons e curato da Rachele D’Osualdo (Associazione Culturale Etrarte). Attraverso l’esperienza tattile, il progetto video-performativo rifletterà sulla trasformazione degli spazi interpersonali.

Gli eventi collaterali
L’esposizione si arricchirà inoltre di alcuni eventi collaterali e una conferenza sui temi della mostra. Negli spazi del Punto Incontro Giovani di viale Forze Armate, il regista Cristian Natoli condurrà un laboratorio di cinema sul rapporto tra spazio, tempo e relazioni con un gruppo di studenti della scuola secondaria di primo grado Bellavitis di Udine. Un secondo atelier è dedicato alla realizzazione di un cortometraggio al Liceo Caterina Percoto di Udine. Attraverso le tecniche cinematografiche, gli studenti trasformeranno e ricostruiranno uno spazio architettonico. Il laboratorio sarà tenuto da Andrea Trincardi.

Per informazioni e prenotazioni scrivere a mail@altreforme.net o telefonare allo 0432 227853 (www.projectmindthegap.it).

Condividi questo articolo!