Metti una sera a Zoppola con Floramo e il suo nuovo libro

20 Gennaio 2019

ZOPPOLA. Un romanzo che profuma dell’entroterra istriano, che non dimentica il tragico ‘900 e che racconta la determinazione di chi sa mettere radici. Questo è in sintesi La Veglia di Ljuba, il nuovo romanzo di Angelo Floramo che verrà presentato martedì 22 alle 20.30 alla nuova Osteria Il Mulino di Zoppola.

In questa straordinaria cornice, recentemente ristrutturata da Daniele Leccini, si svilupperà una serata indimenticabile con il coinvolgente autore Angelo Floramo, un intervistatore d’eccezione, il dott. Mauro Fiorentin, la voce affascinante di Cristina Piasentin, in collaborazione con il Comune di Zoppola, la Biblioteca Comunale, la Casa Editrice Bottega Errante Edizioni e la libreria Quo Vadis? Di Pordenone.

Nel libro, la vita intensa di un padre, esule più per vocazione che per destino, fuori dagli schemi, diventa lo spunto per narrare la storia del Novecento lungo il confine tra Italia e Jugoslavia. Dai villaggi dell’Istria profonda alle pagine nere del fascismo, dall’occupazione titina di Trieste al terremoto in Friuli del 1976 e alla successiva ricostruzione, fino ad arrivare ai giorni nostri: la biografia di un essere umano si sovrappone alla Storia di una terra complessa, plurale, meticcia. Floramo conduce il lettore in un viaggio meraviglioso e struggente che attraversa continuamente le frontiere, entra nelle pieghe di un amore, delicato e intenso, lungo un’intera vita e racconta il destino di bambini, uomini e donne che si sono ritrovati in un posto giusto in tempi, spesso, sbagliati.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!