Mente d’argento, cuore d’oro: era padre Giuseppe De Cillia

3 Febbraio 2017

MERETO DI TOMBA. Domenica 5 febbraio alle 10:30 a Zugliano (Centro Balducci) e a Plasencis alle 17 (frazione di Mereto di Tomba) al Centro Sociale, sarà presentato da don Pierluigi di Piazza il libro “Padre Giuseppe De Cillia. Un uomo buono con la mente d’argento e il cuore d’oro”, a cura di Martina Dei Cas, alla presenza dell’autrice, dei sostenitori del libro, delle autorità locali, degli amici e dei parenti del sacerdote. L’evento ha il patrocinio del Comune di Mereto di Tomba.

E’ difficile riassumere in poche righe l’esperienza e la vita di padre De Cillia, scomparso nel 2015. Dal 1964 missionario saveriano in Congo e Burundi, nazione oppressa dai conflitti tra le etnie tutsi e hutu; si è sempre schierato dalla parte degli “ultimi”, contribuendo alla costruzione di scuole, chiese, strade, acquedotti e abitazioni per i rifugiati. Il «Prete Rambo», come fu soprannominato all’ambasciata del Belgio in Burundi, credeva fortemente nelle azioni concrete: formazione e costruzione di opere come mezzo di pacificazione nell’impegno per raggiungere un bene comune. Diversi aneddoti lo vedono al volante del suo camion per raggiunge zone inaccessibili, con posti di blocco e militari. Il libro sarà anche tradotto in kirundi e francese, lingue ufficiali del Burundi. Oltre alla biografia di padre De Cillia, contiene anche notizie storiche su questa nazione e sulle vicende della Chiesa in Africa.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!