Maria Stella Corsi ammaliata dagli alberi. Alla ARTtime

23 Settembre 2022

UDINE. La Galleria ARTtime di Udine presenta “Alberi…”, mostra personale dell’artista udinese Maria Stella Corsi. Sarà un’occasione imperdibile per il pubblico friulano poter ammirare opere che invitano ad approcciarsi ad esse con la serenità di un sorriso, specchio dell’immensa passione dell’artista nel crearle. Si tratta di incisioni a puntasecca, una tecnica affascinante che sarà un piacere approfondire. La rassegna rimarrà aperta e visitabile fino a giovedì 6 ottobre. Sabato 24 settembre alle 17:30 avrà luogo il vernissage con la presenza dell’artista, un momento conviviale di incontro e dialogo, all’insegna dell’Arte e di tutto ciò che ruota attorno a essa.

L’albero è il soggetto prediletto da Maria Stella Corsi. Infatti da sempre li ha ammirati, osservati, disegnati e persino scarabocchiati. Inclinata verso le arti, ha sperimentato diverse tecniche, approdando poi all’incisione a partire dal 2010. Grazie al maestro incisore urbinate Federico Santini si è appassionata alla tecnica della puntasecca e dal 2011 ha iniziato a creare i suoi primi alberi. Il suo è un soggetto scelto istintivamente, un’entità che trova interessante e che si presta molto bene a essere rappresentata in incisione. Tra le varie essenze arboree quella che più piace all’artista è la quercia: possente, equilibrata, solida, non a caso utilizzata come metafora di forza a 360 gradi.

Con gli alberi di Maria Stella Corsi si deve interagire, vanno osservati bene, sia da vicino che in lontananza. Essi nascono da un’autentica catarsi creativa. Infatti il bulino dell’artista parte da un piccolo trattino e poi… lascia che sia il puro istinto a completare l’opera; non c’è mai una specifica preparazione, ma solo un’idea immediata. La cosa fondamentale è che ci sia sempre la piena libertà del pensiero creativo. I suoi alberi evocano atmosfere reali o immaginarie, situate vicino o lontano, in Friuli o in Oriente, interpretate con coraggio e spontaneità che è condizione assoluta per raggiungere risultati poetici.

A livello tecnico la base delle opere di Maria Stella Corsi è una lastra d’acciaio, rame o zinco, sulla quale l’artista incide i tratti costitutivi dell’opera per mezzo di una punta metallica (che dà proprio il nome a questa tecnica incisoria). La punta che incide la lastra procede lentamente scalfendo il metallo e lasciando dei piccoli solchi; in estrema sintesi è come se al posto del foglio di carta ci fosse la lastra metallica e al posto della matita la punta metallica (chiamata bulino).

Dopo l’incisione si procede con la distribuzione del colore: si parte con uno speciale inchiostro nero, dapprima intenso e poi sfumato lasciando a ogni incisore la scelta del grado di colorazione. Dopo, come è intuibile, si procede con la stampa: spetta al foglio bianco infatti accogliere il disegno colorato della lastra. Maria Stella Corsi arricchisce le sue incisioni a puntasecca con l’aggiunta di altri elementi come fondini colorati (costituiti da pezzetti di carta acquerellati dalle varie forme, soprattutto circolari) per aggiungere forme e colori ai suoi amatissimi alberi. I fondini vengono prima applicati sulla lastra (lasciando il segno) e poi incollati sul foglio finale di stampa.

Maria Stella Corsi è nata a Udine dove compie gli studi superiori per poi iscriversi alla facoltà di Sociologia di Urbino dove si laurea. Per la sua natura schiva non aveva mai rivelato la sua propensione per l’arte figurativa, ma proprio ad Urbino – affascinata dalla meravigliosa città di Federico da Montefeltro – viene attratta dalla poesia dell’arte grafica a cui si dedica sin da subito con impegno e passione, focalizzandosi immediatamente sull’amato soggetto degli alberi, fonte per lei inesauribile d’ispirazione. Il suo amore per la natura e il fascino che ne deriva sono essenziali per la sua espressione artistica. L’artista continua a coltivare questa sua passione sviluppando il proprio stile espressivo sperimentando diverse soluzioni, sia formali che tecniche. Maria Stella Corsi ha partecipato a numerose mostre, sia in Italia che all’estero, esponendo sempre volentieri nel suo Friuli.

La mostra sarà visitabile fino al 6 ottobre alla Galleria ARTtime di Vicolo Pulesi 6 a, Udine con il seguente orario: lunedì dalle 15:30 alle 19, dal martedì al sabato dalle 9 alle 12:30 e dalle 15:30 alle 19. Ingresso libero.

Condividi questo articolo!