Marco Petean: gli studi degli artisti e la loro aura magica

22 Ottobre 2019

Picasso nel suo studio

GRADISCA. La Galleria “La Fortezza” a Gradisca d’Isonzo in via Ciotti, presenta il debutto di Marco Petean con la personale “Studi d’artista”, in mostra fino a domenica 3 novembre. Gli studi d’artista sono storicamente luoghi dall’aura magica, quasi mistica, poiché nascondono tra le pareti delle loro stanze, i segreti di uomini e donne dotati del talento di creare, con l’intelletto e l’abilità manuale, grandi opere d’arte. Attraverso le sue 40 sculture in terracotta policroma, Marco Petean, rielabora e reinterpreta l’esperienza di conoscere artisti contemporanei, quali Pino Deodato, Giorgio Celiberti, Sergio Altieri, Silvia Argiolas ed altri, nei loro atelier.

Marco Petean nel suo studio

Le sue boxes, “una sorta di teatrini dell’arte”, vogliono trasmettere le emozioni, da lui stesso provate, nell’essere accolto dagli artisti, nell’avere avuto la possibilità di conoscere meglio le loro personalità, la loro storia, di catturare alcune loro particolarità dagli oggetti di cui si circondano, dalla scelta del luogo dove lavorano.

Ma questa personale ha anche l’intento di trascinare lo spettatore in un travolgente ed inedito viaggio nel cuore della storia dell’arte, facendo respirare l’atmosfera che caratterizzava gli studi di grandi artisti come Francis Bacon, Pablo Picasso, Renè Magritte, Henry Matisse e tanti altri. Non manca anche una riflessione sull’attuale crisi del concetto di studio, inteso come luogo privato ed esclusivo di invenzione e creazione dell’arte, che si esplica nella rappresentazione di alcuni degli artisti più conosciuti a livello internazionale, mentre si esprimono attraverso la performance come Yayoi Kusama o Marina Abramovic, attraverso lavori site specific come quelli di Giacomo Piussi o che creano nei luoghi più diversi, come Liu Bolin.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!