Mantra di Stockhausen per il festival Trieste Prima

1 Marzo 2021

Maria Iaiza

TRIESTE. “Mantra”, una monografia dedicata a Karlheinz Stockhausen interpretata dai pianisti Maria Iaiza e Luca Chiandotto, con la regia del suono a cura Giorgio Klauer, è il prossimo appuntamento del festival internazionale di musica contemporanea “Trieste Prima”, in programma mercoledì 3 marzo alle 21 sul canale YouTube dell’associazione Chromas

https://www.youtube.com/channel/UC7OKKK7HZTdtJKgUvPgbS3A

Luca Chiandotto

In collaborazione con la Scuola di Musica e Nuove Tecnologie del Conservatorio Tartini di Trieste, il concerto online con “Mantra” di Stockhausen, persegue l’intento programmatico della rassegna, quest’anno dedicata al tema della “musica nel tempo”. Racconta il direttore artistico del festival Corrado Rojac: «Il fulcro dell’eredità compositiva stockhauseniana, di fatto, poggia sull’assioma della musica quale relazione d’ordine e tempo. La scrittura del grande maestro tedesco insegue la continuità tra durate ed altezze, ed è estendibile, dal ritmo al timbro, tra microstruttura e macrostruttura, sino all’ambiente in cui ha luogo, e sino a vertigini metafisiche quali la simbolizzazione dell’anima del mondo».

Giorgio Klauer

Mantra, composto nel 1970 per due pianoforti e modulatore ad anello, sarà interpretato da due pianisti giovani e talentuosi, quali Maria Iaiza e Luca Chiandotto, diplomati al biennio specialistico del Conservatorio Tartini di Trieste e interpreti pluripremiati in concorsi internazionali, seguiti nella regia del suono da Giorgio Klauer, interprete, compositore, paleografo, filologo e informatico musicale.

“Trieste Prima” si realizza con il contributo della Regione, InCe – Iniziativa Centro Europea, Samer & Co. Shipping, Credito Cooperativo del Carso – Zadružna Kraška Banka, e la collaborazione di Pro Loco Trieste, Conservatorio Giuseppe Tartini di Trieste, l’associazione Mozart Italia, Comunità Evangelica di Confessione Elvetica e Forum Austriaco di Cultura di Milano.

Tutte le informazioni e gli aggiornamenti sul sito chromas.it e la pagina facebook dell’associazione.

Condividi questo articolo!