Luca Mercalli a Palazzolo spiegherà l’utilità dei boschi

21 Settembre 2017

PALAZZOLO. Una grande foresta ricopriva anticamente la pianura tra il Livenza e l’Isonzo: di quella “Silva lupanica”, che Plinio il Vecchio descrisse già nel 1° secolo d.C, sono sopravvissuti circa 500 ettari di bosco, testimonianza di un monumento naturale che caratterizza ancora la Bassa friulana a ridosso della linea lagunare. I boschi planiziali si trovano oggi tra i territori di Carlino, Castions di Strada, Muzzana del Turgnano, Palazzolo dello Stella e Precenicco, cinque Comuni della Bassa friulana che, per promuovere la conoscenza di questo patrimonio naturalistico hanno dato vita alla manifestazione “Boschinfesta”.

Per approfondire le tematiche intorno al rapporto tra clima e ambiente non si può perdere l’iniziativa di domani venerdì 22 settembre con il meteorologo, divulgatore scientifico e climatologo italiano Luca Mercalli. Alle 17, alla Casa del Marinaretto a Palazzolo, Mercalli parlerà con Vicario dei boschi planiziali e dei cambiamenti climatici, in un incontro pubblico moderato dal giornalista Paolo Medeossi. Al termine dell’incontro, uno spettacolo di danza aerea sul fiume Stella, in piazza del Porto a Precenicco, chiuderà la giornata di divulgazione.

”Oggi questi boschi – ci ricorda Mercalli – sono oasi di biodiversità, luoghi di salvaguardia di biotopi rari, proteggono dalle alluvioni, permettono l’infiltrazione delle acque in falda, catturano CO2 e ci offrono scorci di bellezza naturale in un territorio sempre più cementificato e artificializzato. Non sottovalutiamo il valore di questi servizi ecosistemici e paesaggistici: questi piccoli boschi sono portatori di grandi significati per la conservazione della nostra civiltà in un momento nel quale la minaccia dell’Uomo sulla Natura non è mai stata così elevata”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!