L’Ornitottero dei Mosaicisti collocato al 5° Rigel Casarsa

5 Agosto 2022

Lovison, Ceccobelli e Brovedani con l’Ornitottero

CASARSA. L’opera a mosaico intitolata Ornitottero, realizzata dagli allievi della Scuola Mosaicisti del Friuli (Spilimbergo) come omaggio a Leonardo da Vinci, ha trovato una nuova e importante collocazione: al 5° reggimento Aviazione dell’Esercito “Rigel” di Casarsa. Ideata nel 2019 in occasione delle celebrazioni per i cinquecento anni dalla morte di Leonardo, la grande installazione, con parti a mosaico, si ispira alla macchina volante disegnata dal genio rinascimentale. Proprio per questo legame con il cielo e con l’aspirazione dell’uomo di volare, la Scuola Mosaicisti ha affidato questa sua opera al reparto dell‘Esercito.

Grande soddisfazione è stata espressa dal comandante del 5° Rigel, Colonnello Paolo Cesare Ceccobelli, in occasione di una visita del presidente della Scuola Stefano Lovison e del direttore Gian Piero Brovedani. L’opera trova oggi una prestigiosa sistemazione nella sala di rappresentanza e sede espositiva del reggimento.

Leonardo immaginò una apparecchio, l’ornitottero appunto, dove l’uomo posizionato al suo interno muoveva e manovrava grandi ali ispirate a quelle degli uccelli. Elementi chiave di tutto il progetto, le ali permettono il volo e ne diventano il simbolo. Proprio per questo, nell’essenziale riproduzione della macchina leonardesca, le ali sono diventate il centro dell’intervento a mosaico: ampie e arcuate sono state illuminate da tessere che ricostruiscono, come in un ricamo, le eleganti membrane presenti sulle ali delle libellule. L’installazione in legno e alluminio è mobile e le grandi ali si alzano e si abbassano in base allo spostamento della sfera dorata centrale che fa da contrappeso. Nel movimento la superficie delle ali, finemente decorata da linee di smalti colorati, vibra alla luce.

Condividi questo articolo!