L’Orchestre des Champs Élysées in concerto al GdU

28 Febbraio 2018

UDINE. Il ciclo di sinfonie di Robert Schumann cui il Giovanni da Udine ha dedicato ampia attenzione a partire dal 2012 trova completezza in uno speciale appuntamento con il romanticismo tedesco in programma sul palcoscenico del Teatro Nuovo venerdì 2 marzo con inizio alle 20.45. Interprete di due partiture emblematiche del compositore sassone – il Concerto per pianoforte e la Sinfonia “Renana” – sarà l’Orchestre des Champs Élysées che spicca fra le formazioni più accreditate a livello internazionale nell’esecuzione su strumenti originali, con un repertorio che spazia da Haydn a Debussy.

Fondata nel 1991, la compagine francese ha costruito la propria autorevole reputazione grazie all’impegno e alla sensibilità del suo direttore artistico Philippe Herreweghe, sempre alla ricerca di nuove chiavi di lettura della grande musica del nostro passato. L’orchestra è stata ospitata nelle più prestigiose sale concertistiche del mondo ed è stata protagonista di tournée in Giappone, Corea, Cina e Australia.

Nel ruolo di solista, al pianoforte storico, Alexander Lonquich, colto ed influente interprete dei grandi classici e dell’Ottocento e già acclamato ospite dei più importanti appuntamenti internazionali. Considerato dalla critica come uno dei più raffinati pianisti esistenti in virtù del suo stile elegante, ricco di poetiche sfumature. L’artista si esibisce regolarmente per l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, con la quale dalla stagione 2011/12 collabora anche come direttore-solista.

Biglietteria del Teatro aperta dalle 16 alle 19 (chiuso lunedì e i giorni festivi). L’acquisto dei biglietti è possibile anche al temporary ticket store del teatro attivato alla Libreria Feltrinelli di via Canciani a Udine (tutti i mercoledì dalle 10 alle13 e dalle 13.30-alle 18) e online su www.teatroudine.it e www.vivaticket.it e nei punti vivaticket. Per info: tel. 0432 248418 e biglietteria@teatroudine.it. Previste speciali riduzioni per i possessori della G-Teatrocard.

Condividi questo articolo!