Lingue minoritarie, 20 anni della legge La situazione

11 Dicembre 2019

UDINE. L’approvazione della Legge statale n. 482 del 1999 segna un momento di importanza fondamentale per il riconoscimento dello status giuridico delle lingue regionali e minoritarie presenti in Italia. A vent’anni dalla promulgazione, l’Università di Udine, il Centro Internazionale sul Plurilinguismo dell’ateneo friulano, la Società Filologica Friulana ed il Comune di Udine promuovono l’incontro Le lingue regionali comunicano, che si terrà giovedì 12 dicembre alle 17 a Palazzo Mantica, sede della Filologica, in via Manin 18 a Udine. Scopo dell’incontro è ragionare sulle attese prodotte dalla legge, su quanto fatto – anche in termini di presa di coscienza e di partecipazione delle Regioni interessate – e su quanto resta da fare. In particolare si intende affrontare il tema della comunicazione, settore di importanza decisiva per garantire alle lingue locali la possibilità di dispiegare l’insieme delle funzioni che, sole, ne garantiscono prospettive di mantenimento e di crescita sui rispettivi territori.

Dopo i saluti delle autorità e l’introduzione ai lavori del sindaco Pietro Fontanini, la direttrice del dipartimento di scienze giuridiche dell’Università di Udine Elena D’Orlando terrà una relazione su “Comunicare lingue e identità, per un’autonomia speciale e matura”. Seguirà la tavola rotonda, moderata dal direttore dell’Arlef William Cisilino, alla quale parteciperanno Antonella Eloisa Gatta vicepresidente Corecom Fvg, Markus Maurmair presidente Assemblea della Comunità Linguistica Friulana, Guido Corso direttore della sede regionale Rai, Alessandra Salvatori direttrice di Telefriuli, Boian Brezigar politologo e giornalista e Carlo Puppo presidente di Informazione Friulana. Collabora all’iniziativa il Consiglio Regionale del Friuli Venezia Giulia. Patrocinano Arlef, Corecom Fvg, Slori, Cirf.

Ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili. Attività di formazione accreditata dall’Ordine dei Giornalisti del Friuli Venezia Giulia.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!