Life in Motion per uno stile di vita lontani dall’obesità

20 Giugno 2021

UDINE. Il Movimento Difesa del Cittadino, in collaborazione con Herbalife Nutrition, è promotore del Progetto Life in Motion – Energie in Movimento, nato con l’obiettivo di favorire il contrasto all’obesità attraverso una campagna informativa e di sensibilizzazione rivolta ai cittadini, che fornisca loro non solo strumenti utili e consapevoli per una corretta alimentazione e per un sano stile di vita, ma che li coinvolga in tutte le attività progettuali.

Venticinque milioni di italiani si trovano in condizioni di sovrappeso (35,3%) o obesità (9,8%). Di questi, il 46% è rappresentato da adulti. Statisticamente, le donne hanno un tasso di obesità inferiore (9.4%) rispetto agli uomini (11.8%). L’obesità non è però un problema solo italiano: l’Onu ha infatti lanciato un allarme contro la “mondializzazione” di un fenomeno che attualmente preoccupa quanto e più della fame. L’esigenza di concentrarsi in modo specifico su questo tema è dovuta al fatto che la persistenza di problemi legati all’obesità è causa di un aumento delle probabilità di insorgenza di patologie croniche, in particolare diabete, malattie cardiovascolari e respiratorie, nonché cancro: 3,4 milioni di persone all’anno, infatti, muoiono a causa dell’obesità. Enti come Oms, Fao, Unicef, Istat, l’Osservatorio Ministeriale OKkio alla Salute concordano nell’indicare la cattiva alimentazione e la sedentarietà come le principali cause del problema. Il consumo di junk food e bevande zuccherate è il principale imputato della malnutrizione.

Il responsabile del settore Sanità e Salute di Mdc Fvg, Dino Durì, precisa: ”Il tutto è aggravato dall’emergenza sanitaria Covid 19!. Le varie chiusure forzate in casa, a discapito dell’attività fisica e del movimento all’aperto, hanno costretto molte persone a passare un tempo maggiore davanti a tablet, videogiochi, pc e televisione, incrementando anche spuntini e numerosi pasti durante l’arco della giornata, nella maggior parte dei casi “merendine”, cibi “spazzatura” e bevande zuccherate; a dormire almeno mezz’ora di più e a trascorrere ben cinque ore in più al giorno davanti allo schermo. Fondamentale è, pertanto, il corretto inserimento nella dieta di alimenti sani e/o integratori alimentari.

Attraverso approcci integrati (psicologico, nutrizionistico, psicofisico), curati da professionisti dei rispettivi settori, si intende fornire: strumenti formativi/informativi multidisciplinari diretti anzitutto ad un corretto mantenimento del peso-forma rispetto a sesso, età, attività svolta; aiuto di sensibilizzazione e informazione alle persone affette da problemi di obesità e sovrappeso, nell’ottica di una sensibilizzazione sul tema della salute e del rischio obesità, attraverso lo sviluppo di attività volte alla prevenzione e all’adozione di sani e corretti stili di vita, come il movimento fisico e la sana alimentazione”.

Il primo appuntamento, che lancia ufficialmente il progetto,è rappresentato dal webinar di lunedì 21 giugno, alle 15:30
(Link: https://zoom.us/webinar/register/WN_Kk6EBzcwQfSBvJrFqeiaqg)
tenuto dalla Dott.ssa Elisa Caponetti, psicologa, per avviare l’approccio psicologico ed intervenire sulla promozione della socialità e il contrasto all’isolamento. Verrà qui approfondito il rapporto tra il cibo e il significato, anche inconscio, che gli viene dato.

Condividi questo articolo!