Libro: Enea Fabris racconta la nascita di Lignano Sabbiadoro

8 Settembre 2021

Enea Fabris

LIGNANO. Giovedì 9 settembre ultimo appuntamento della storica rassegna degli Incontri con l’autore e con il vino, promossi dall’Associazione Lignano nel Terzo Millennio presieduta da Giorgio Ardito e curati dallo scrittore Alberto Garlini e dal tecnologo alimentare Giovanni Munisso. Alle 18.30 al PalaPineta nel Parco del Mare, Enea Fabris presenta il suo libro “Dalla sabbia all’oro”. Conduce l’incontro l’avvocato Enrico Leoncini.

Un titolo che racchiude in sintesi tutto il percorso di questa penisola, da landa desolata a stazione turistica di livello europeo. Sedici capitoli in cui l’autore racconta la località balneare friulana tra ieri e oggi, aiutandosi con oltre 200 splendide fotografie, molte delle quali inedite. L’opera vive di due momenti, quello personale, che introduce e che costituisce la cifra morale del lavoro, e quello più scientifico e compilativo, che analizza i fatti e le vicende della storia. Come ad esempio l’inizio del centro balneare friulano il 15 aprile del 1903, quando con una solenne cerimonia veniva la posta in opera il primo palo per la realizzazione del primo stabilimento balneare.

La Società Agricola Cav. Guido Lorenzonetto di Pertegada proporrà in degustazione la sua Ribolla Gialla Spumante Extra Dry, raccontata dall’enologo Michele Bonelli. Un vino dal colore giallo paglierino carico con profumi freschi fruttati con note di mela e fiori bianchi. Un sapore rotondo, vivace e aromatico con una spuma persistente e un perlage fino e continuo.

Come da Decreto legge del 23 luglio 2021, n. 105 sulle “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19”, sarà possibile accedere agli incontri soltanto se si è in possesso della Certificazione Verde Covid-19/Green Pass comprovante l’inoculamento almeno della prima dose vaccinale Sars-CoV-2 o la guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 (validità 6 mesi) o l’effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus Sars-CoV-2 (con validità 48 ore).

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!