Lezioni americane di Calvino

1 Settembre 2021

Enrico Bronzi

CIVIDALE. Giunto nel cuore della sua rassegna, Mittelfest a Cividale continua a stupire con diverse prime assolute che portano in scena il meglio del teatro, della danza e della musica proveniente dalla Mitteleuropa. Giovedì è la giornata del tanto atteso ‘concerto letterario’ Six memos, in doppia replica alle 19 e 21.30, tratto dalle Lezioni americane di Italo Calvino, in cui il violoncello di Enrico Bronzi e le parole di Paolo Di Paolo ricompongono il ritratto dell’umanità per il nuovo secolo abbozzato nel 1985 da Calvino. Si passa poi al teatro, ore 17, con Carlo e Nadia Studio intorno a un incontro del Teatri Stabil Furlan. Mezz’ora dopo, ore 17.30, lo spettacolo/laboratorio Uguale ma più piccolo di Kepler 452 che intende indagare, attraverso gli strumenti del teatro, il più complesso dei rapporti che esista in natura: quello tra genitori e figli. Alle 19 spazio alla danza, con il duo acrobatico tedesco Chris e Iris in Gap of 42.

Paolo Di Paolo

IL PROGRAMMA:
Ore 11.30 – INCONTRO CON PAOLO DI PAOLO E ENRICO BRONZI – Kaffee con gli artisti di Six Memos – Curtîl di Firmine. Lo scrittore Paolo Di Paolo e il violoncellista Enrico Bronzi presentano al pubblico il loro riattraversamento delle Lezioni americane di Italo Calvino, portate oltre la letteratura verso la musica e l’antropologia occidentale di questo nuovo millennio.

ore 15, 15.30, 16, 16.30, 17, 17.30 – EMPATIAR – Mittelfest Cividale Digital 2021 – musica, prima assoluta, Italia – Monastero di Santa Maria in Valle. Immersi nelle musiche e nei suoni di Giorgio Pacorig, perturbati dalle voci di Aida Talliente e Marta Cuscunà, il viaggio multisensoriale di EmpatiaAR ideato e diretto da Luca A. d’Agostino è un entrare nell’universo friulano e nella mitologia fascinosa delle agane. La realtà virtuale ci porta in un ascolto e una visione magica e irrequieta.

Kepler-452 (Foto Luca Del Pia)

Ore 17 – CARLO E NADIA Studio intorno ad un incontro – Teatri Stabil Furlan – teatro – Chiesa di Santa Maria di Corte. Primo studio di una produzione che il Teatri Stabil Furlan svilupperà nel 2022, Carlo e Nadia vede al centro Carlo Michaelstedter, giovane pensatore individualista e affascinante, poeta, filosofo e letterato goriziano, pieno di intenzioni cosmiche e superomistiche, e Nadia Baraden, profuga russa, bellissima, elegante e cosmopolita. Nella Firenze del 1906 prende corpo la vicenda tra il giovane studente e l’affascinante esule russa, fino al gesto estremo di lei, che ha dominato le cronache dell’epoca.

Ore 17.30 – UGUALE MA PIÙ PICCOLO – Kepler 452 – teatro/laboratorio, prima assoluta – Chiesa di Santa Maria dei Battuti. Chi sono i nostri genitori? Cosa hanno a che fare con noi? Ci sembra di conoscerli bene, ma è davvero così? Come guardano la realtà, in un modo che assomiglia al nostro o in modo inconciliabilmente diverso? Fino a quando si è figli? Come ci si lascia alle spalle la propria famiglia di origine? Quanto diversi possiamo diventare dai nostri genitori? Uguale ma più piccolo è uno spazio laboratoriale che intende indagare, attraverso gli strumenti del teatro, il più complesso dei rapporti che esista in natura: quello tra genitori e figli.

Ore 17.30 – REMOTE CIVIDALE DEL FRIULI – Rimini Protokoll – teatro, prima nazionale, Germania – Spettacolo itinerante con partenza dal Cimitero Maggiore. Un viaggio dentro la città come un film collettivo. In Remote Cividale, un gruppo di 30 persone attraversa a piedi la città indossando delle cuffie. Sono guidati da una voce digitale. L’incontro con questa intelligenza artificiale porta il gruppo e i suoi componenti a mettersi alla prova. Come vengono prese le decisioni comuni? Chi seguiamo quando a parlarci sono algoritmi? Remote Cividale si interroga sull’intelligenza artificiale, sui big data e sulla nostra prevedibilità. Lo fa nella forma di una camminata, per Cividale del Friuli, percorsa con uno sguardo nuovo e inatteso.

Gap of 42

Ore 19, 21.30 – SIX MEMOS. BRONZI/CALVINO/DI PAOLO – musica, prima assoluta – Chiesa di San Francesco. Concerto letterario dalle Lezione americane di Italo Calvino. Il violoncello di Enrico Bronzi e le parole di Paolo Di Paolo ricompongono quel ritratto dell’umanità per il nuovo secolo abbozzato da Italo Calvino nel 1985. I suoi Six memos, meglio noti come Lezioni americane, non parlano solo di letteratura, ma dell’intera società. Leggeri, rapidi, talvolta esatti (ma quanto sciatti!), esasperatamente visibili e molteplici, difficilmente coerenti: ecco i tratti identificativi del pentagramma: esseri umani fluttuanti, come suoni e note, all’avvio del millennio.

Ore 19 – GAP OF 42 – Chris e Iris – danza, prima nazionale – Orto delle Orsoline. Due corpi dissimili si incontrano acrobaticamente, 42 cm li separano in dimensioni, 42 kg in peso. Ognuno reca su di sé la propria peculiare storia. Chris e Iris mostrano, in modo umoristico e allo stesso tempo commovente, come affrontano la loro differenza fisica. Dando vita a immagini e situazioni che possono essere trasferite in altri ambiti della vita e in contesti più ampi, in Gap of 42 si incontrano acrobazie straordinarie e commedia, si sollevano questioni filosofiche, nascono immagini insolite e momenti assurdi.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!