Il lettone tredicenne è il Piccolo violino magico

10 Luglio 2017

SAN VITO AL TAGLIAMENTO. Si è conclusa nella serata di domenica 9 luglio la seconda edizione del grande concorso internazionale per i giovani talenti mondiali del violino tra i 9 e i 13 anni “Il Piccolo violino magico”: 16 giovanissimi e talentuosi concorrenti provenienti da tutto il mondo (Russia, Lettonia, Serbia, Giappone, Stati Uniti, Belgio, Bulgaria, Sudafrica, Singapore, Ungheria e Italia) si sono “sfidati” per cinque giorni a San Vito al Tagliamento tra prove con Orchestra e prove di violino solo. La giuria internazionale presieduta dal Maestro Pavel Vernikov ha proclamato il vincitore assoluto dopo l’esibizione dei quattro finalisti con la Mitteleuropa Orchestra i una sala completamente sold out: il livello altissimo della competizione di quest’anno avevo infatti convinto la giuria ad allargare la fase finale della competizione a quattro concorrenti, anziché tre. Il vincitore assoluto è il lettone tredicenne Bulayev Daniil, già da anni impegnato in esibizioni internazionali come solista e con Orchestre sinfoniche, seconde a pari merito le pluripremiate sorelle statunitensi di origini giapponesi Khuong – Huu Fiona (del 2007) e Khuong – Huu Hina (nata nel 2004) e infine quarta classificata la bulgara Markova Lora, di 13 anni.

Grande soddisfazione da parte degli organizzatori e del direttore Domenico Mason che ha riscontrato come il Concorso realizzato grazie al Comune di San Vito al Tagliamento – con la Regione e la Fondazione Friuli – “anche se è solo al suo secondo anno di vita, è già riconosciuto internazionalmente come il più importante evento che celebra il talento e la passione dei virtuosi di domani per il re degli strumenti ad arco”.

Per cinque giorni San Vito è stata letteralmente invasa dall’entusiasmo di 16 giovanissimi artisti e la loro presenza è stata documentata dallo studio di produzione Videe che ha ripreso tutte le fasi salienti del Concorso così come le giornate vissute a San Vito e le emozioni dei giovani concorrenti per il film documentario, diretto da Bruno Mercuri, che Sky Classica ha già annunciato di voler mandare in onda nell’arco della sua programmazione.

Le foto sono di Elia Falaschi.

Condividi questo articolo!