L’epigenetica spiegata al popolo. Incontro in Sala Ajace

3 Aprile 2017

UDINE. A cura del Museo Friulano di Storia Naturale, l’Istituto di Genomica Applicata, mercoledì 5 aprile, alle 18, organizza in Sala Ajace a Udine una conferenza su cos’è l’epigenetica, come si studia e come le alterazioni epigenetiche siano implicate in malattie come il cancro e la distrofia muscolare. A trattare l’argomento ci sarà il Prof. Giuseppe Macino, Ordinario di Biologia Cellulare alla Sapienza, e direttore del Progetto Bandiera Epigenomica del CNR. Introdurrà l’argomento il prof. Michele Morgante dell’Università di Udine. All’inizio della conferenza sarà proiettato il documentario Epigenetica, come il nostro corpo memorizza il mondo.

Il ciclo di incontri “Il DNA non scrive il tuo destino”, a cura dell’Istituto di Genomica Applicata (IGA) e del Progetto Bandiera Epigenomica (EPIGEN), prevede una serie di appuntamenti con i ricercatori del Progetto EPIGEN che racconteranno cos’è l’epigenetica, come si studia, qual è il suo ruolo per la salute e l’ambiente. Un viaggio ai confini del nostro corpo e alla scoperta delle più recenti ricerche scientifiche, ideato per il pubblico non esperto e condotto con un linguaggio semplice ed efficace. Nel primo incontro, dal titolo “Cos’è l’epigenetica?” il Prof. Giuseppe Macino racconterà cosa è l’epigenetica e la sua importanza per il funzionamento del nostro corpo.

La sequenza del DNA (il genoma) contiene tutte le informazioni per lo svolgimento di tutte le funzioni del nostro corpo. Quando, nel 2003, è stato completato ufficialmente il primo sequenziamento dell’intero genoma umano, si è capito chiaramente che conoscere la sequenza completa del nostro DNA non è sufficiente per comprendere i processi che ci mantengono vivi o che ci fanno ammalare. Oggi sappiamo che esistono meccanismi chiamati “epigenetici“, che controllano l’uso dell’informazione contenuta nel DNA che sono alla base di tutti i processi vitali. Inoltre, le alterazioni epigenetiche sono implicate in malattie come il cancro e la distrofia muscolare.

Condividi questo articolo!