L’Ensemble Barocco della San Marco si esibisce in duomo

2 Ottobre 2020

PORDENONE. Riparte dal Barocco, anzi, dagli splendori della Venezia barocca, la programmazione musicale della Società Musicale Orchestra e Coro San Marco, che domenica 4 ottobre alle 16, in anteprima sulla nuova Stagione musicale d’autunno, presenterà nel Duomo di Pordenone un concerto eseguito dalla sua formazione barocca, affidata al Maestro concertatore Davide De Lucia. È questo il primo appuntamento che introduce al nuovo calendario di eventi musicali che accompagnerà il pubblico di Pordenone, e non solo, fino alla fine del 2020, con concerti prodotti dalle formazioni orchestrali e dal Coro della San Marco, e con artisti ospiti, grazie al sostegno della Regione Fvg, del Comune di Pordenone e della Fondazione Friuli.

Protagonisti del concerto in duomo, i musicisti dell’Orchestra Barocca San Marco, ensemble istituito per l’esecuzione di musica antica su strumenti storici, secondo una prassi musicale che si sta affermando con sempre maggiore successo, facendo di questa formazione un punto di riferimento importante per offrire al pubblico nuove occasioni di ascolto e di arricchimento della cultura e del gusto musicale. Sul leggio, partiture dall’opera di tre compositori che fecero la gloria della tradizione musicale veneziana nel pieno trionfo del barocco: Antonio Vivaldi, Tomaso Albinoni e Alessandro Marcello, tutti vissuti tra gli ultimi decenni del Seicento e la prima metà del Settecento, quando l’arte del contrappunto raggiunse, a Venezia, il massimo suo fulgore. Ricco il programma scelto, che tra l’altro metterà in luce diversi strumenti solisti: l’oboe nel concerto in re minore di Marcello, violino e organo, flauto dolce e poi ancora I due violini del concerto in la minore op. 3 n. 8 dall’“Estro Armonico”, per quanto riguarda Vivaldi, mentre alla formazione d’archi con basso continuo saranno riservati una Sinfonia di Albinoni e il concerto in do maggiore RV114, ancora dall’opera del “Prete rosso”.

Il ruolo del Maestro concertatore sarà affidato a Davide De Lucia, specialista del repertorio musicale rinascimentale e barocco, che ha approfondito attraverso i corsi di perfezionamento nella prassi esecutiva della musica antica, di organo barocco e di clavicembalo, tenuti dai maestri Jean Claude Zehender, Luigi Ferdinando Tagliavini, Harald Vogel, oltre ai corsi di organo, clavicembalo e direzione presso la Musikhoschule Mozarteum di Salisburgo. Tra le sue più importanti produzioni, ha diretto il progetto “All’ombra della Basilica Ducale” per i Teatri di Udine e Pordenone, con musica sacra e profana del Cinque e Seicento veneziano, la Missa in Nativitate Domini di Gabrieli e Lasso, l’Integrale dei Mottetti di Bach, la Missa pro defunctis di Cristòbal de Morales e il Concerto delle Sacre Ceneri per la Fondazione Levi e La Fenice di Venezia, con musiche policorali e polistrumentali dei maestri della basilica Ducale nel Cinquecento.

Il concerto è ad ingresso libero, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!