L’emozione di ascoltare un maestro, Salvatore Accardo. E prima una lezione-concerto

6 Maggio 2016

SACILE. Come ormai consolidata abitudine del Concorso pianistico internazionale piano|fvg, la serata d’inaugurazione porta a Sacile i più applauditi protagonisti della scena internazionale, per un’apertura in grande stile, omaggio alla “Città della Musica e del Pianoforte”. Anche per l’edizione 2016 la tradizione sarà rispettata, con la presenza al Teatro Zancanaro sabato 7 maggio di Salvatore Accardo, ospite speciale di piano|fvg insieme al suo ensemble d’archi con pianoforte per un concerto di pura emozione, affidato all’interpretazione del Maestro insieme a Laura Gorna (violino), Chrystelle Catalano (violino), Francesco Fiore (viola), Cecilia Radic (violoncello) e Laura Manzini alla tastiera del pianoforte gran coda Fazioli, marchio partner della manifestazione.

Accardo_sestettoAffascinante il programma scelto per questa serata, che porterà il pubblico dentro lo speciale crogiolo artistico della Parigi fin-de-siècle, dove i maggiori fermenti artistici – in ambito musicale, pittorico, letterario – avrebbero dato vita ad una splendida stagione di fioritura e di novità, prima della tragica cesura della Prima Guerra Mondiale. Il programma scelto per la serata offrirà l’occasione di ascoltare un repertorio che rispecchia proprio questo interessante milieu culturale, con il Quartetto d’archi scritto da Maurice Ravel proprio al debutto del Novecento, e il Concerto per violino, pianoforte e archi composto da Ernest Chausson poco più di un decennio prima, tra gli ultimi sussulti di un’epoca che stava lasciando il posto ad una più urgente modernità. Particolare l’accostamento di questi due autori, nelle loro peculiari caratteristiche: se Chausson viene infatti dal mondo dei salotti artistici di fine Ottocento – amico di pittori, letterati e musicisti, allievo di Massenet e di Franck, precursore di Debussy – Ravel rappresenta la generazione più giovane, che da queste premesse poco a poco si affranca, per approdare infine alla nuova fucina novecentesca. Per tracciare un parallelo nel campo dell’arte figurativa, lo sviluppo artistico di queste pagine si incarna di un percorso ideale che va dall’impressionismo di Monet ai colori accesi di fauves fino al gusto per la geometrica concentrazione di linee e forme dei violini dipinti da Georges Braque. Una serata quindi tutta da scoprire, lasciandosi incantare dai mille colori della musica.

Biglietti in prevendita attraverso il circuito Vivaticket (on-line o nei punti vendita autorizzati) o in Teatro il giorno stesso dell’evento (mattina ore 10-12, pomeriggio ore 16-19 e dalle ore 20 fino a inizio concerto). Ingresso intero €25, ridotto €18 (under18 – over65 anni), ridotto ragazzi €12 (fino a 14 anni). Inizio concerto ore 20.45.

Al mattino, con inizio alle 9.30, il Teatro Zancanaro accoglierà quasi 300 ragazzi degli Istituti Comprensivi di Aviano, Sacile, Cordovado-Sesto al Reghena e Rorai-Cappuccini di Pordenone, tra gli allievi delle Scuole Medie e della Scuola Primaria G. Deledda della città ospite, tutti invitati con i loro insegnanti a seguire una speciale lezione-concerto dal titolo “Il Legno Armonico”.

1981_linotiveron_bIl pregiato abete rosso della Val di Fiemme è infatti la particolare materia prima che condividono i più preziosi strumenti di liuteria, fin dai tempi di Stradivari, e i pianoforti Fazioli, due scuole di artigianato di altissimo livello che saranno messe a confronto dal liutaio Bruce Carlson, in arrivo da Cremona grazie alla mediazione della Fondazione di Studi Musicologici Walter Stauffer, e da Job Wijnands, tecnico accordatore dell’azienda fondata a Sacile da Paolo Fazioli, leader nel mondo dei grandi strumenti da concerto. A completare la loro presentazione, la partecipazione straordinaria di Salvatore Accardo, che ha accettato di offrire agli studenti, in anteprima sull’attesissimo concerto serale, un piccolo saggio della propria maestria, eseguendo alcuni esempi musicali che potranno dare conto della diversa voce del violino a seconda della bottega di costruzione, dei materiali e della particolare corrispondenza a determinate pagine del repertorio.

Visto il particolare interesse per il tema, che già era stato in parte esplorato durante il convegno presentato da piano|fvg nell’auditorium Fazioli lo scorso autunno con i violini della Fondazione Pro Canale, anche questa matinée sarà comunque aperta al pubblico, nel limite dei posti disponibili. Per accedere all’evento, sarà necessario ritirare un pass d’ingresso gratuito nella sede di piano|fvg a Sacile, in Corte Pelizza. L’appuntamento del Teatro Zancanaro offrirà anche la cornice ideale per la premiazione degli elaborati grafici realizzati dalle classi partecipanti al progetto educational rispetto al tema della mostra ospitata nell’ambito della manifestazione a Palazzo Ragazzoni, ovvero il mito di Beethoven tradotto a fumetti. I vincitori avranno l’onore di vedere le loro tavole esposte nella medesima location, accanto a quelle dei grandi autori delle strisce.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!