L’anima, la terra e il colore nella mostra di Toni Zanussi

28 Dicembre 2021

Toni Zanussi – Città invisibile

TRIESTE. Si inaugura mercoledì 29 dicembre alle 11 a Trieste, al Magazzino 26 del Porto Vecchio, la mostra “L’anima, la terra, il colore. Arte d’azione e di inclusione” dell’artista friulano Toni Zanussi (Qualso, Udine, 1952). L‘iniziativa è molto più di una personale in cui poter visionare l’arte poetica e sottilmente onirica di Toni Zanussi, perché è anche un progetto-laboratorio, ideato dall’artista stesso, di inclusione sociale. La mostra che Trieste dedica a Toni Zanussi fa parte infatti di un ciclo espositivo di rassegne, ognuna diversa dall’altra, incentrate oltre che sulla sua creatività, sulla promozione di questo prezioso e attuale concetto, che ha visto un primo allestimento in una versione molto più ridotta nel 2020 a Tarcento e che, dopo Trieste, proseguirà a Monaco.

L’esposizione al Magazzino 26, curata dalla giornalista e critica d’arte Marianna Accerboni, è realizzata dal Comune di Trieste in collaborazione con l’Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni (Ussm) di Trieste, l’Udepe (Ufficio Distrettuale Esecuzione Penale Esterna) di Trieste e con il Garante locale dei diritti delle persone private della libertà personale. Saranno sei le persone del territorio (adulti e minorenni), alcune protagoniste di condotte illecite, che nel corso dell’esecuzione delle misure e sanzioni di comunità a cui sono soggetti, offriranno il loro contributo alla rassegna, in particolare nei processi di diffusione e comunicazione della mostra oltre che nell’accoglienza dei visitatori. L’obiettivo di tale coinvolgimento è quello di restituire loro un ruolo di utilità sociale e di favorirne il reinserimento attraverso un’esperienza formativa e relazionale positiva nel mondo dell’arte a dimostrazione che l’arte può essere uno strumento potente di educazione alla legalità.

L’artista friulano nel suo atelier a Stella di Tarcento (Foto lice BL Durigatto)

A inaugurare la mostra mercoledì 29 dicembre saranno Giorgio Rossi, assessore alle Politiche della cultura e del turismo, Carlo Grilli, assessore alle Politiche sociali, entrambi del Comune di Trieste; Marianna Accerboni, critica d’arte e curatrice della mostra. Per il Ministero della Giustizia, Dipartimento della Giustizia Minorile e di Comunità interverranno Rita Bergamo, Responsabile dell’Area Misure e Sanzioni di Comunità dell’Udepe di Trieste e Elisabetta Kolar Direttore dell’Ussm di Trieste. La presentazione della mostra sarà visibile anche in diretta streaming sul canale YouTube del Comune di Trieste.

Toni Zanussi – Cassa

L‘ingresso alla mostra è libero con questi orari: 29 dicembre: 11 -17; giovedì e venerdì: 10 -17; sabato e domenica: 10 – 19; 31 dicembre: 10 – 13; 1°gennaio: chiuso; 6 gennaio: aperto 10 -19. Info e visite guidate: +39 333 6133178 | +39 335 6750946. Per accedere all’inaugurazione della mostra il 29 dicembre è obbligatorio essere in possesso del Green Pass ”rafforzato” e indossare la mascherina Ffp2. Per visitare la mostra in momenti successivi all’inaugurazione e fino al 9 gennaio 2022, è sufficiente essere in possesso del green pass “base” (si ottiene con vaccinazione, guarigione dal virus o esito negativo del tampone nelle ultime 48 ore). Dal 10 gennaio 2022, per visitare la mostra sarà obbligatorio essere in possesso del green pass “rafforzato” (si ottiene solo con vaccinazione e guarigione dal virus).

www.triestecultura.it

Condividi questo articolo!