Cos’è la vita che abbiamo davanti? Teatro a Zoppola

17 Marzo 2016

ZOPPOLA. Venerdì 18 marzo primo appuntamento delle quattro residenze teatrali “SPAZI APERTI”, che nei prossimi mesi verranno ospitate al Teatro Comunale di Zoppola. Il Teatro Comunale diventa così, grazie all’iniziativa dell’Associazione Culturale Molino Rosenkranz, luogo di ospitalità artistica che favorisce incontri profondi e uno sguardo attento alla scena contemporanea nazionale. Si parte venerdì alle 21 con la compagnia ConsorzioSenico, che, dopo una settimana di residenza in teatro, presenterà al pubblico di Zoppola il suo spettacolo: LA VITA DAVANTI, in anteprima nazionale.

ConsorzioScenico1Cosa significa avere tutta la vita davanti? Cosa poteva significare cent’anni fa, all’ombra di un conflitto mondiale? E soprattutto, quant’è la vita che resta davanti, quando la guerra incombe da ogni lato? È questo il filo su cui avanzano i protagonisti dello spettacolo, in costante equilibrio tra una quotidianità di lutti, fame e macerie, e l’inevitabile slancio in avanti. Un racconto di parole, immagini fisiche e musica dove l’attenzione si sposta ripetutamente dall’individuo alla collettività, dai tempi del conflitto a un tempo che include gli spettatori, in un gioco di zoom il cui unico punto fermo è la certezza che tutta la vita, anche solo per un altro minuto, è lì davanti. Ho tutta la vita davanti. Abbiamo tutta la vita davanti. Avevate la vita davanti. Avessi avuto la vita davanti. Avrai la vita davanti. Dietro, sopra, sotto, intorno, la guerra. E, davanti, tutta la vita. Ma quant’è la vita che rimane?

“Pur nel rispetto delle fonti e dei documenti disponibili che trattano la Grande Guerra, la scelta è stata quella di rinunciare a una ricostruzione storica per ricercare l’umanità, quel filo che unisce da sempre l’uomo attraverso i secoli e rende comprensibili scelte, dolori, gioie nonostante la distanza”. ConsorzioScenico nasce nel 2011 come collettivo artistico, composto da sei giovani attori professionisti under 35 che, dopo aver sviluppato diversi percorsi personali, hanno deciso di riunirsi per investire il proprio futuro in una dimensione artistica teatrale collettiva, contrastando l’onda comune dell’individualismo. Dopo diversi percorsi artistici, che li hanno portati a collaborare con le maggiori realtà teatrali della regione e non solo (Il Rossetti Teatro Stabile del FVG, La Contrada Teatro Stabile di Trieste, Teatro Stabile Sloveno – SSG, CSS – Teatro Stabile d’Innovazione, Mittelfest), i componenti di ConsorzioScenico si ritrovano a Trieste con l’urgenza di comunicare una poetica del linguaggio teatrale contemporanea, nel senso più semplice della parola.
ConsorzioScenico ha già portato a compimento diversi lavori teatrali sul territorio collaborando con alcune realtà professionistiche culturali, nonché con altre organizzazioni a scopo sociale. Nel 2013, il primo lavoro del collettivo Darla via… la mia famiglia è finalista al Premio Crashtest Collisioni di Teatro Contemporaneo. ConsorzioScenico è inoltre ideatore
del Premio DARTS Per Una Nuova Drammaturgia e Traduzione, premio per autori e traduttori teatrali under 35 che, nelle sue prime due edizioni, ha visto la partecipazione di 94 opere e 27 lavori di traduzione.

LA VITA DAVANTI DI ConsorzioScenico (Trieste) – TESTI DI Sara Beinat – MUSICHE ORIGINALI DI Massimiliano Borghesi – www.consorzioscenico.com Costo spettacolo: € 5,00 Info e prenotazioni Associazione Culturale Molino Rosenkranz Via Saccons, 3 33080 Castions di Zoppola Tel 0434 574459 cel 348 9033339 mr@molinorosenkranz.it www.molinorosenkranz.it

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!