La striscia della violenza

28 Novembre 2016

UDINE. In occasione della giornata ONU per le vittime di Palestina, in Libreria Friuli a Udine (Via dei Rizzani), martedì 29 novembre, alle 18, verrà presentato il libro GAZA E L’INDUSTRIA ISRAELIANA DELLA VIOLENZA. Introduce Mara Quintiliani. Interviene Alfredo Tradardi, uno degli autori.

La Striscia di Gaza, da quasi un secolo, è un luogo di resistenza e di sofferenza. Non è l’unico in questo mondo sconvolto da conflitti, ma è il paradigma della “produzione” della violenza contemporanea. La violenza contro i palestinesi è un continuum che oscilla tra un minimo quotidiano, a bassa intensità, con i suoi morti, i suoi feriti e le sue distruzioni, e le punte delle operazioni militari, veri e propri massacri, come Piombo Fuso o Margine Protettivo, con il risvolto voyeuristico di fronte allo spettacolo del dolore di un Occidente spesso complice.

Violenza che si articola con modalità diverse in Cisgiordania e nella Striscia, contro i palestinesi cittadini di Israele e contro i profughi che vivono nei campi allestiti, a partire dal 1947-1948, nei paesi arabi del Medio Oriente. Una industria della violenza che viene esportata in molti paesi del mondo, qui intrecciata a un paradigma coloniale di insediamento, sul quale il sionismo basa l’identità dello Stato israeliano, e a un modello concentrazionario nel quale ha un ruolo determinante il complesso militare industriale.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!