La storia d’un serial killer riappare a teatro in Buio 1981

14 Luglio 2021

COLLOREDO DI MONTE ALBANO. Lo spettacolo Buio 1981, sorto dalle fucine di MateâriuM e di Servi di Scena, arriva a Colloredo di Monte Albano per una suggestiva serata nella corte esterna del Castello. Giovedì 15 luglio alle 21 gli attori e le attrici porteranno il pubblico nelle atmosfere dei primi anni ’80, in un’esperienza teatrale dai toni cupi, incentrata su un oscuro fatto di cronaca che scosse l’opinione pubblica dell’epoca.

La serata è a ingresso gratuito, fino ad esaurimento posti, ed è realizzata con il contributo del Comune di Colloredo, della Comunità Collinare del Friuli e della Proloco di Colloredo di M.A. – Prenotare il posto telefonando allo 0432 889858 o scrivendo a segreteria@comune.colloredodimontealbano.ud.it

Buio 1981 prende spunto da una delle storie più cupe degli anni ‘80: le folli imprese del pluriomicida Roberto Succo. Le vicende del serial killer vengono presentate in un’atmosfera soffusa e metaforica: Roberto è la notte che cerca di trionfare sulla luce, Roberto rappresenta le paure che emergono dall’oscurità e vengono a farci visita. Attraverso suggestioni teatrali, visive e musicali il pubblico viene portato in un’epoca, gli anni ‘80, segnata da diverse inquietudini: Aids, eroina, guerra fredda… Per ricostruire fedelmente gli eventi e il contesto, il gruppo di lavoro ha realizzato un’approfondita ricerca iconografica e musicale, interpellando le teche Rai di Venezia e Roma e analizzando i quotidiani dell’epoca.

Buio 1981 è una produzione Servi di Scena, Associazione Culturale che opera dal 1998 nel territorio friulano attraverso l’allestimento di rassegne, spettacoli e laboratori teatrali. Dal 2012 ospita al suo interno il laboratorio di nuove drammaturgie MateâriuM, progetto dedicato alla formazione di autori teatrali e alla scrittura di nuovi testi per il teatro.

In caso di maltempo lo spettacolo verrà realizzato nell’Auditorium di Mels.

Condividi questo articolo!