La relazione educativa: ciclo di incontri con L’arcobaleno

4 Aprile 2018

PORCIA. Aggressività e rabbia possono essere per i bambini il modo di comunicare un disagio che non va sottovalutato: occorrono quindi conoscenze e strumenti per capire queste dinamiche e “gestirle”, in seno alla famiglia come nella società. Dopo il successo dello scorso anno, l’associazione L’Arcobaleno Onlus di Porcia ripropone ad aprile il ciclo di quattro incontri-dibattito ad ingresso gratuito “La relazione educativa”. Quest’anno si parlerà di “Maneggiare e armonizzare” aggressività e rabbia nella relazione con un bambino, insieme al prof. Ernesto Gianoli, docente di Psicologia dell’educazione e di Psicologia Clinica allo Iusve di Venezia Mestre. L’evento è organizzato grazie al sostegno del Comune di Porcia e con il patrocinio della Consulta della Famiglia di Porcia e dell’Azienda per l’Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale.

La sede di Arcobaleno

“Conclusa la rassegna “Relazioni che aprono all’amore” al Cinemazero che ci ha aiutato ad introdurre il tema dell’affido familiare – spiegano le operatrici della Onlus di Porcia – si rinnova quest’anno l’appuntamento con “La relazione educativa”. L’anno scorso la presenza agli incontri è stata molto numerosa e partecipe. Infatti, il tema di quest’anno nasce anche dalle proposte del pubblico, invitato a esprimere le proprie esigenze di approfondimento. Abbiamo dunque scelto di dedicare i quattro incontri ad un tema specifico nella relazione con i nostri bambini e ragazzi. Noi crediamo – hanno aggiunto – che aprire un dialogo su questa tematica sia di grande importanza oggi per promuovere nuovi strumenti nella relazione educativa”.

Tutti gli incontri si svolgeranno alle 20.30 all’Auditorium “R. Diemoz” – Centro Socio-Assistenziale in via Risorgive 3 a Porcia. Il primo incontro, in programma giovedì 5 aprile, analizzerà l’evoluzione della rabbia nel bambino, cercando di capire se essa possa diventare un comportamento costruttivo. Seguirà giovedì 12 aprile l’incontro-dibattito sul tema “La cura delle competenze relazionali”: come gestire i comportamenti oppositivi, provocatori e di scarsa consapevolezza del bambino nelle azioni verso l’altro. L’appuntamento di giovedì 19 aprile è invece dedicato a “Disporre di strategie adeguate”, ovvero come essere educatore/genitore modello per il bambino. A chiudere il ciclo di incontri, l’appuntamento di giovedì 26 aprile in cui si tratterà di “Modalità educative a confronto”. Per chi fosse interessato sarà possibile ricevere anche un attestato di partecipazione.

Dal 1994 la casa famiglia L’Arcobaleno Onlus accoglie, in forma residenziale o diurna, bambini e ragazzi in situazioni di disagio familiare inviati dai Servizi Socio-Sanitari del territorio. Inoltre la Onlus è da sempre attiva nella prevenzione del disagio minorile attraverso iniziative di formazione in ambito educativo. Con l’occasione la Onlus darà anche informazioni sul ciclo di sei incontri settimanali di avvicinamento al sostegno e affido familiare, che si svolgeranno nel mese di maggio. Si parlerà di legislazione, ma anche dei vissuti di deprivazione e di strumenti e risorse propri della famiglia affidataria. La partecipazione al corso è gratuita, su iscrizione. La relatrice sarà la dott.ssa Maella Lorenzon.

“Inoltre è quasi tempo di dichiarazione dei redditi – hanno aggiunto gli operatori della Onlus a Porcia -. Devolvere il cinque per mille all’Arcobaleno significa scegliere di sostenere i bambini del territorio che si trovano in situazione di disagio familiare e di accompagnare i genitori e le famiglie nel loro compito educativo per prevenire il disagio sociale. Il 5×1000 è per noi una fonte di sostegno importante perché ci consente di garantire ai bambini la realizzazione di attività integrative, indirizzate a soddisfare i loro bisogni e di attuare nuove forme di servizi in sostegno alla genitorialità. Ricordiamo pertanto – hanno concluso – la possibilità di sostenerci tramite il 5 per mille firmando nell’apposito spazio della dichiarazione dei redditi e indicare il codice fiscale 91027120939”.

Maggiori informazioni su www.larcobaleno-onlus.it

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!