La prova di un’opera seria a Gorizia, Sacile e Cividale

19 Novembre 2018

GORIZIA. Grazie alla collaborazione tra Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste e Circuito Ert e al sostegno della Regione FVG, torna l’opera lirica nei teatri della regione. Dopo il Gianni Schicchi di Puccini andato in scena nelle scorse stagioni, in tre sale di altrettante province arriva La prova di un’opera seria, farsa in un atto dell’abate Giulio Artusi musicata da Francesco Gnecco. Lo spettacolo sarà ospite mercoledì 21 novembre del Teatro Verdi di Gorizia (ore 20.45), venerdì 23 novembre del Teatro Zancanaro di Sacile (ore 21) e domenica 25 novembre (ore 18) del Teatro Adelaide Ristori di Cividale, grazie alla collaborazione con le amministrazioni comunali. La regia è di Carlo Antonio De Lucia, il maestro concertatore e direttore dell’orchestra è Takayuki Yamasaki, mentre i ruoli principali sono affidati a Anna Bordignon, Andrea Binetti, Olga Dyadiv, Roberto Gentili, Motoharu Takei e Fumiyuki Kato.

Il mondo della creatività teatrale è luogo fisico e immaginifico costituito dal palcoscenico visibile e da quello invisibile al pubblico. Lo spettacolo è dedicato proprio a questa dimensione invisibile che da sempre affascina e attrae lo spettatore, curioso non solo di godere dello spettacolo ma anche del retroscena, della complessa vicenda fatta di elementi artistici e tecnici, umani e materiali che si svolge prima della magica apertura del sipario. Francesco Gnecco compose l’opera nei primi anni dell’Ottocento e il successo fu ampio e internazionale: un atto unico agile e divertente, che descrive con ironia la prova di un’opera. I protagonisti sono il tenore, il soprano e gli altri interpreti della creazione teatrale, tutto lo star system di cui si evidenziano qualità e debolezze, manie, difficoltà e talenti.

Con l’Orchestra e il Coro del Teatro Verdi di Trieste si esibisce un cast artistico internazionale e affiatato che ha già riscosso notevole successo nel corso delle rappresentazioni dello spettacolo a Trieste. La prova di un’opera seria è anche un’occasione per riascoltare dal vivo celebri arie tratte da altre importanti opere liriche: la trama aperta e il gioco del teatro nel teatro permette l’inserimento di pregevoli “cammei” musicali che rendono lo spettacolo ancora più interessante e realistico.

Biglietti: platea intero 15 euro, ridotto 12 euro (under 26, over 65, abbonati Circuito Ert, soci enti convenzionati); ridotto speciale 5 euro (scuole di ogni ordine e grado, scuole musica, scuole teatro, scuole danza e associazioni del territorio). Maggiori informazioni al sito www.ertfvg.it e chiamando la biglietteria del Teatro Verdi di Gorizia (0481 383602/01), il Teatro Ristori di Cividale (0432 731353) e il Teatro Zancanaro di Sacile (0434 780623).

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!