La “prima” del video Aquileia Mater alla Fondazione Friuli

20 Gennaio 2020

UDINE. Il 22 gennaio alle 17,30 nella sede della Fondazione Friuli, in via Manin 15 a Udine, verrà presentato, alla presenza delle autorità, il video Aquileia mater. 2.200 anni dopo la fondazione di Aquileia, realizzato da Telefriuli per conto della Società friulana di archeologia odv. Il video è stato finanziato dalla Regione con il bando previsto per i 2.200 anni di Aquileia e anche dal contributo della Fondazione Friuli.

Il video ha lo scopo di far comprendere la storia della città antica in base a quanto si può ancora vedere nel sito o si conserva nei musei. Allo scopo di far meglio comprendere la complessità della storia e la varietà delle relazioni tra la città ed il mondo mediterraneo e continentale nel video ci sono numerose interviste con esperti e studiosi non solo italiani, ma anche provenienti dalla Slovenia, dall’Austria e dalla Germania.

Il periodo principale preso in considerazione è ovviamente l’epoca romana, ma vi è anche una grande attenzione per i monumenti cristiani, a partire dalla basilica, che è fondamento per l’inserimento di Aquileia nell’elenco del patrimonio tutelato dell’Unesco. Il testo, piano, è concepito per essere compreso da tutti, specialmente studenti che non hanno ancora una conoscenza approfondita della storia antica e tanto meno dei problemi della ricerca archeologica. Nondimeno si sforza di non essere banale o superficiale ed infatti vi sono cenni anche alle recenti scoperte (inclusi gli scavi in corso) e le problematiche ancora aperte. Nel video vi sono anche suggestive immagini da drone che servono ad inquadrare l’abitato nel paesaggio, dando adeguato spazio ai corsi d’acqua ed alla laguna. Le riprese dall’alto consentono poi di avere un’idea precisa di alcuni spazi (ad esempio quello del foro) o monumenti (come le aule doppie del complesso della basilica). Il video, che dura circa 60 minuti, sarà presto visibile anche su Youtube.

La Società friulana di archeologia intende anche con questo mezzo rispondere al suo scopo statutario che è quello di far conoscere sempre meglio i monumenti del nostro patrimonio storico-archeologico e cercherà di incrementarne la diffusione, gratuita, nel mondo della scuola in modo che le visite ad Aquileia siano adeguatamente preparate e contengano un contenuto culturale di alta qualità.

Condividi questo articolo!