La mostra su Ert 50 anni

15 Settembre 2019

Arearea

CODROIPO. Non poteva chiamarsi che Lungo circuito il progetto, ideato e curato da Roberto Canziani, per sottolineare la duratura presenza dell’Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia, che proprio quest’anno festeggia i 50 anni di vita. L’intero programma di iniziative, realizzate da Ert, Regione Fvg ed Erpac – Ente Regionale per il Patrimonio Culturale, con il sostegno della Fondazione Friuli e il contributo di CrediFriuli, si è aperto con la mostra inaugurata sabato nella Barchessa di Levante di Villa Manin di Passariano.

Visita guidata con Canziani

Ambientata in un paesaggio teatrale realizzato dallo scenografo Andrea Stanisci e ispirato all’opera dell’artista Stefano Mancini, la mostra, accompagnata da un prezioso catalogo di oltre 200 pagine, è suddivisa in otto sezioni: dalla missione dell’Ert a un viaggio fotografico nelle sale attualmente gestite, fino all’Archivio Rodolfo Castiglione, che raccoglie la documentazione dell’Ert ed è dedicato a colui che, per lungo tempo, ne è stato presidente e direttore. All’inaugurazione ha fatto seguito una performance della compagnia di danza Arearea che ha accompagnato il pubblico fino agli spazi espositivi della Barchessa di Levante per una visita guidata alla mostra condotta dal curatore Roberto Canziani. Nel pomeriggio, invece, all’ingresso della mostra, l’attore e regista Massimo Somaglino ha presentato Dafne, Mirra, metamorfosi per radici, una lettura ispirata a due miti tratti dal poema di Ovidio.

Massimo Somaglino

Per festeggiare l’importante traguardo dei 50 anni dell’Ert, sabato 28 settembre alle 21 al Teatro Palamostre di Udine, inoltre, è in programma anche una grande serata evento il cui coordinamento e la cui regia sono stati affidati a Giuliano Bonanni. Spettatori e artisti, insieme a tutti coloro che in questi decenni hanno fatto crescere l’Ert e ne hanno modellato la fisionomia, si ritroveranno al teatro udinese per una festa di compleanno aperta a tutti (prenotazioni entro il 27 settembre ai numeri 0432 224211/88).

Le foto sono di Luca d’Agostino.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!