La mostra Homo Faber domani in videoconferenza

25 Aprile 2020

Foto di Rachele Lamolinara

DUINO. Dopo la premiazione della sezione “giovanissimi”, molto partecipata e con presenze da tutto il mondo, prosegue la serie di videoconferenze organizzate nell’ambito del Concorso “Castello di Duino” e dedicate alle diverse sezioni della competizione letteraria e artistica. Domenica 26 aprile alle 16.30 viene presentata la mostra fotografica “Le opere e i giorni: sguardi dal mondo: homo faber tra libertà e destino”, che raccoglie le foto scattate e inviate dai giovani poeti partecipanti al Concorso, commentate con i loro versi. “Trovandoci di fronte ai prodotti inviati, si è colpiti dal diverso messaggio umano e culturale che essi veicolano” dice la curatrice Gabriella Valera.

In alcune prevale l’umano, la forza del pensiero che governa il destino, la sua presenza dallo sguardo vigile, la creatività, la luce che viene tratta dal buio. In altre invece prevale la desolazione di un mondo in cui la traccia umana appare in tutto il suo squallore, oppure il carattere dimesso ma a suo modo poetico dei paesi di provincia rispetto ai grandi agglomerati urbani. Le foto provengono da paesi lontani (Giappone, Colombia, Romania, Italia, Ungheria, Croazia Ghana, Grecia, Brasile, Albania) e hanno come unico denominatore comune il tema di riferimento: nessun’altra indicazione è stata data agli autori. L’insieme delle foto costituisce tuttavia un “racconto” suggestivo che ha per protagonisti, oltre che l’uomo e la natura, soprattutto il Destino. Sembra essere il richiamo a un Destino che incombe ciò che rende l’uomo e la natura interlocutori di un dialogo, o attori di un dramma, che li coinvolge insieme.

Rosa della Creatività, di Ines Obradovic

La sfida delle mostre legate al Concorso è stata da sempre quella di riportare il “visuale” alla parola. Se un’immagine ci parla indipendentemente da qualsiasi parola che la descriva o interpreti è perché abbiamo parole in serbo con cui la descriveremmo e la interpreteremmo. A maggior ragione rispetto a un tema che vede l’uomo costantemente “faber”, artefice, capace di lasciare un segno e di distruggerlo. Coerentemente con questo valore aggiunto verrà offerto ai vincitori di questa sezione della competizione un minicorso online di elaborazione artistica delle foto, affidato alla sensibilità e alla professionalità della fotografa Alexandra Mitakidis, che parteciperà alla videoconferenza.

Della mostra è disponibile il catalogo on line nel sito www.castellodiduinopoesia.org (sezione Mostre). La mostra avrebbe dovuto essere ospitata dalla Comunità greco-orientale nella sala Xenia, dove si spera di riproporla fisicamente appena possibile. Per partecipare alla videoconferenza basta seguire il link pubblicato nel sito e sulle pagine social del Concorso. Nelle prossime settimane gli eventi letterari programmati a corollario del Concorso per la “Festa della Poesia e della Letteratura” si dipaneranno distesi nel tempo appena l’emergenza sanitaria consentirà la ripresa.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!