La mostra su Carmelo Zotti si conclude il 26 febbraio

20 Febbraio 2017

PORDENONE. Visitabile fino a sabato 26 febbraio, alla Galleria Sagittaria di Pordenone, la grande antologica “Carmelo Zotti. Carte inedite 1952/2007”, per iniziativa del Centro Iniziative Culturali Pordenone, che ha riunito, in stretta sinergia con l’Archivio Carmelo Zotti, ben 145 opere di Carmelo Zotti composte in oltre 50 anni. Grande successo di pubblico in questi mesi per il primo omaggio espositivo nel decennale della scomparsa del grande Maestro legato a molte città e latitudini italiane.

Triestino di nascita, Carmelo Zotti ha trascorso a Napoli la sua gioventù, si è formato a Venezia e dal cuore della laguna si è affermato a livello nazionale e internazionale, alimentando la sua arte con il confronto e le molteplici esperienze in Egitto, in India, in Birmania e in Messico. Si spegneva a Treviso nel maggio 2007. “In esposizione il pubblico trova – spiega il curatore della mostra, Giancarlo Pauletto – opere e carte anche di grandi dimensioni. Inedite sono la maggior parte delle opere esposte: va sottolineato, una mostra quindi di grande interesse storico, che rimanda al 1975, anno in cui il pittore fu presente a Pordenone con un’esposizione rappresentativa del suo momento più maturo e significativo nel contesto della nuova generazione pittorica”. Orari di visita: da martedì a domenica, dalle 16 alle 19. Info: tel 0434 553205 www.centroculturapordenone.it Catalogo in Galleria.

“Carmelo Zotti. Carte inedite 1952/2007” è promosso dal Centro Iniziative Culturali Pordenone con l’Archivio Zotti, e sostenuto dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, dalla Provincia e dal Comune di Pordenone, con Euromobil, Crédit Agricole FriulAdria, Fondazione Crup ed Electrolux. La mostra è coordinata della presidente del CICP Maria Francesca Vassallo e curata dal critico d’arte Giancarlo Pauletto.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!