La Giornata delle lingue locali si celebra a Versuta (Casarsa)

15 Gennaio 2018

CASARSA. Si svolgerà a Casarsa grazie alla Pro Loco l’unico evento del Friuli occidentale in occasione della Giornata nazionale del Dialetto e Lingue locali, manifestazione organizzata dall’Unpli, l’Unione nazionale Pro Loco d’Italia. Mercoledì 17 gennaio alle 11 nei pressi della storica chiesetta di Sant’Antonio a Versuta, si svolgerà una lettura pubblica di un suo racconto in friulano casarsese da parte della scrittrice Anelina Colussi, testo dedicato al “Pursit di Sant’Antoni”, ovvero quel maiale che veniva allevato dalla comunità per essere poi condiviso tra tutti gli abitanti in questa giornata di gennaio. Ilaria Peloi della Pro Casarsa leggerà la traduzione in italiano e il tutto sarà trasmesso in diretta Facebook sulla pagina della stessa associazione Pro Casarsa.

“La Giornata nazionale – ha spiegato il presidente della Pro Casarsa Antonio Tesolin – cade proprio in concomitanza con la ricorrenza di Sant’Antonio Abate, che è poi il patrono di Versuta: è raffigurato in una statua con ai piedi il maiale che ne porta il nome sulla facciata della stessa chiesetta, esempio meglio conservato dell’arte medievale sul territorio comunale recentemente restaurato e caro anche a Pier Paolo Pasolini, nonché il santo è al centro dei festeggiamenti del borgo in corso di svolgimento fino al 28 gennaio grazie all’associazione La Beorcja. Ecco quindi vari spunti, uniti alla valorizzazione e tutela della nostra variante di lingua friulana, che abbiamo voluto inserire in un’unica giornata”. L’appuntamento come detto è l’unico che si tiene in regione insieme a un altro in programma a Sauris.

Lo scorso anno l’evento si tenne invece vicino alla roggia delle Miris’cis a Casarsa, dove fu letto un testo di Anelina Colussi e uno del maestro Castellani dedicato alle agane, le fate d’acqua che la leggenda voleva vivessero in questo luogo. La lettura fu molto seguita su Facebook e fu ripresa anche dalla Rai in un suo servizio al tg regionale.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!