La Filologica conserverà l’archivio del Maestro Garzoni

12 Febbraio 2017

UDINE. Martedì 14 febbraio alle 18 nel Salone del Parlamento del Castello di Udine si svolgerà la cerimonia di donazione alla Società Filologica Friulana del fondo appartenuto al musicista friulano Luigi Garzoni di Adorgnano. L’iniziativa è stata fortemente voluta dalla famiglia al fine di onorare la memoria del compositore e di mettere a disposizione della collettività e degli studiosi il patrimonio documentario probabilmente più rilevante della storia della musica friulana. L’appuntamento coincide con il 45° anniversario dalla morte di Luigi Garzoni, nato a Tricesimo nel 1890 e spentosi a Cassacco il 14 febbraio 1972, e a pochi giorni dalla scomparsa, avvenuta lo scorso primo febbraio, del figlio del musicista, il dott. Giuseppe Garzoni di Adorgnano, per decenni attento conservatore dell’imponente lascito archivistico del padre e impegnato a favore della sua donazione alla Società Filologica, che lo conserverà nella sua sede di Palazzo Mantica a Udine.

Il fondo raccoglie la testimonianza dell’attività e dell’opera di Luigi Garzoni nell’arco di circa 60 anni. L’archivio si suddivide in tre parti: i manoscritti musicali e poetico-letterali, la parte enciclopedica e le copie delle opere. Esso testimonia l’impegno profuso dal Garzoni nella ricerca, conservazione, trascrizione e adattamento dei motivi musicali locali, nella composizione di opere musicali sia su testi propri, sia su testi della liturgia o tratti da poeti friulani, italiani e classici, nella partecipazione ad eventi musicali locali, nazionali ed internazionali, nella costituzione di un archivio generale enciclopedico rivolto agli interessi della sua produzione musicale e letteraria.

Il programma della cerimonia prevede la relazione “Uno sguardo al percorso compositivo del Maestro Garzoni” del professor David Giovanni Leonardi, docente di storia della musica al Conservatorio “J. Tomadini” di Udine, cui seguirà l’intermezzo musicale eseguito dal soprano Vilma Ramírez Álvarez, proveniente da Santiago de Cuba e studente del biennio superiore al “Tomadini”, con accompagnamento dello stesso docente. Seguirà l’intervento del nipote del Maestro, Daniele Garzoni di Adorgnano, che parlerà dell’archivio e della famiglia Garzoni. Concluderà l’incontro il Gruppo corale “I Cantori del Friuli” diretto dal maestro Francesco Zorzini, che eseguirà una selezioni di brani sacri e profani di Luigi Garzoni composti su versi italiani, friulani e gradesi. L’iniziativa gode del patrocinio e della collaborazione del Comune di Udine e dell’USCI, Unione Società Corali, del Friuli Venezia Giulia.

Luigi Garzoni nacque il 16 gennaio del 1890 a Tricesimo. Appena dodicenne, fu solista nell’Oratorio S. Faustino di Ubaldo Placereani. Avviato agli studi ecclesiastici, frequentò il ginnasio presso il Seminario di Udine. Nel 1915 fu chiamato alle armi. A seguito del congedo nel 1919, fu abilitato all’insegnamento magistrale che lo portò in varie scuole del Friuli. Proseguì gli studi ottenendo la maturità classica e, nel 1925, il magistero in canto corale all’Istituto musicale “Jacopo Tomadini” di Udine, allievo di Mario Mascagni. Fondò e diresse in numerosi centri della regione prestigiosi gruppi corali tra i quali il Coro di Villa Santina, i Cantori di Comeglians, l’Accademia Polifonica della F.A.R.I. e nel 1945, al ritorno dal fronte, “I Cantori del Friuli”, che diresse fino al 1970 e con cui tenne concerti in tutta Europa. Si spense a Cassacco il 14 febbraio 1972.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!