Jesus: pop, rock, punk

13 Marzo 2016

MONFALCONE. “Babilonia Teatri è per un teatro pop. Per un teatro rock. Per un teatro punk”. Così recita il “manifesto” di una delle compagnie più originali e potenti della scena contemporanea. Martedì 15 marzo alle ore 20.45, Babilonia Teatri è ospite di “contrAZIONI – nuovi percorsi scenici”, la rassegna dedicata alla drammaturgia contemporanea e alla scena emergente che caratterizza la stagione di prosa del Teatro Comunale di Monfalcone. In Jesus Valeria Raimondi ed Enrico Castellani – le anime del gruppo, autori dello spettacolo insieme a Vincenzo Todesco – si confrontano con la storia più nota di tutte, quella che tutti conoscono, la più pop. Realizzato in coproduzione con La Nef / Fabrique des Cultures Actuelles Saint-Dié-des-Vosges e MESS International Theater Festival Sarajevo, e in collaborazione con Emilia Romagna Teatro Fondazione, Jesus è stato scelto da Emma Dante per il 67° Ciclo di Spettacoli Classici al Teatro Olimpico di Vicenza.

68_Jesus-02Scrive Valeria Raimondi, protagonista dello spettacolo: “Non riesco a trovare nient’altro nella mia memoria che conosco così bene. Gesù è scolpito nella mia mente, nei miei ricordi. Le sue frasi mi hanno accompagnato, cresciuto, plasmato. Senza saperlo. Con un po’ di catechismo e qualche sacramento. Ma soprattutto Gesù mi ha consolato, mi ha coccolato, mi ha tenuto calma e serena, anche lui ha sofferto, ha vissuto, ha lottato e poi alla fine anche lui è morto. Ma con happy end. Morto e risorto. Non mi devo preoccupare, non devo aver paura, tutto si sistemerà, saremo di nuovo tutti insieme un giorno. Per una vita vera. Al di là delle nuvole”.

Jesus è stato un uomo ed è diventato un credo ma chi è davvero oggi? Cosa rappresenta, chi lo rappresenta? Chi ne ha bisogno e chi invece lo usa? Babilonia Teatri mette in scena questi interrogativi: un’indagine forte e coinvolgente, carnale e spirituale, necessaria. Utilizzando la parodia e l’invettiva senza alcun timore, fra sacralità e dissacrazione, Jesus racconta l’ipocrisia, la violenza, il basso materialismo della società contemporanea, in cui tutto, anche la religione, viene mercificato. Lo stile è quello che fin dagli esordi caratterizza la poetica di Babilonia Teatri, sempre coerente ed originale: recitato martellante e fortemente cadenzato, vibranti squarci musicali funzionali al percorso drammaturgico, pochi ma violenti effetti di luce, scenografia quasi assente.

Una denuncia, quella di Jesus, che però rivela, al contempo e dolorosamente, un vuoto: fra provocazione e tenerezza, infatti, lo spettacolo stimola accesi confronti ed esprime un commovente e intimo anelito di spiritualità, sia essa religiosa o laica. Nell’ambito di “Prima dello spettacolo”, iniziative a corredo della stagione realizzate in collaborazione con l’Associazione “Per il Teatro di Monfalcone”, alle ore 20.00, al Bar del Teatro, avrà luogo una presentazione dello spettacolo: un breve incontro per fornire agli spettatori alcune indicazioni e chiavi di lettura per meglio fruire le pièce in cartellone.

Biglietti in vendita presso: Biglietteria del Teatro (tel. 0481 494 664, da lunedì a sabato, ore 17-19), ERT di Udine, Biblioteca Comunale di Monfalcone, prevendite Vivaticket e on line su www.vivaticket.it. La Biglietteria del Teatro accetta prenotazioni telefoniche.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!